Def, semaforo verde del governo. Gentiloni: “Manovra non depressiva”

Clausole Iva saranno eliminate. Ipotesi di una rottamazione bis delle cartelle

(Teleborsa) Semaforo verde del Consiglio dei ministri alla Nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza (Def), con le nuove stime sui conti pubblici che costituiranno la base della nuova legge di bilancio.

Ad annunciarlo il premier Paolo Gentiloni, nel corso della conferenza stampa insieme al ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan.  PREVISIONI RIVISTE AL RIALZO – Il nuovo testo rivede al rialzo le previsioni formulate ad aprile e stima per il 2017 una crescita del Pil dell’1,5%. Stessa previsione confermata per il 2018  e il 2019. Nel testo approvato in primavera veniva messa in conto una crescita dell’1,1% nel 2017 e dell’1% nel 2018 e nel 2019.  “Qualcuno potrà dire che è una previsione troppo ottimistica, ma credo che sia pienamente giustificata dalle politiche che metteremo in atto. Un discreto grado di ottimismo è giustificato”, ha detto il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan che fa esercizio di ottimismo: “La crescita del Pil del 2017 è confermata all’1,5% e l’1,5% è quella che va confermata, secondo noi, per il 2018 e 2019″. Un discreto ottimismo è giustificato”, ha aggiunto. Quanto al deficit,si attesterà nel 2018 all’1,6%. Il Paese dispone di uno spazio fiscale un po’ più ampio”.

Rispetto al debito,Padoan aggiunge: “Sta iniziando a scendere e prevediamo un sentiero di discesa”. Il ministro annuncio anche che Saranno eliminate le clausole di salvaguardia su Iva. Ipotesi di una rottamazione bis delle cartelle.

20 MILIARDI IN MENO DI TASSE DEL 2013 – L’esecutivo “stima che i contribuenti italiani pagheranno rispetto al 2013 minori imposte per circa venti miliardi di euro”: lo si legge nella nota di aggiornamento del Def. Questo grazie a una strategia economica i cui pilastri sono “la progressiva diminuzione della pressione fiscale (scesa di circa un punto percentuale tra 2013 e 2016), conseguita mediante gli interventi di riduzione dell’Ires e dell’Irpef ai lavoratori con remunerazioni più basse, la cancellazione della componente Irap sul lavoro dipendente, dell’Imu sui beni strumentali imbullonati e sui terreni agricoli, dell’imposta sulla casa di proprietà e residenza (Tasi)”.

GENTILONI INDICA LA VIA: “MANOVRA NON DEPRESSIVA” – I risultati economici “che sono stati resi possibili dalle riforme varate dal governo Renzi e che noi abbiamo proseguito ci hanno consentito una discussione con l’Ue che ha portato margini favorevoli di finanza pubblica e che ci porterà a proporre al Parlamento una legge di bilancio non depressiva, che non sarà un freno alla tendenza positiva dell’economia”, ha commentato il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, al termine del cdm.

 

Def, semaforo verde del governo. Gentiloni: “Manovra non depressiva”
Def, semaforo verde del governo. Gentiloni: “Manovra non depress...