Da Brexit a Quitaly: “Italia la prossima a lasciare l’Ue”. L’analisi dell’economista

Secondo Clsa il manifatturiero spingerà il Belpaese ad uscire

Dimenticate la Brexit, il prossimo scossone si chiamerà Quitaly, dove il gioco di parole si compone di ‘quit’ (in inglese ‘lasciare’) e Italy. A dirlo Christopher Wood, capo della strategia azionaria della società di gestione Clsa, che fa capo a un gruppo cinese. L’analisi, esposta durante un briefing a Hong Kong dove il gruppo ha il suo quartier generale, si basa su uno studio del manifatturiero, in cui l’Italia è seconda in Europa, e segue le indiscrezioni della sdcorsa primavera riportate dal Guardian.

“L’Eurozona arriverà al punto di rottura prima che i negoziati sull’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea vengano completati. Il mio scenario di riferimento è questo e penso sia probabile che il prossimo Paese a uscire dalla Ue sia l’Italia” – ha detto Wood secondo quanto riportano Bloomberg e Barron’s Asia.

Perchè l’Italia? Perchè ha un tremendo bisogno di esportare, e quindi di poter agire sulla svalutazione della moneta. “L’Italia è il secondo maggior Paese manifatturiero d’Europa – prosegue Wood – e guardate come sta andando la crescita del suo pil rispetto a quella del resto dell’Eurozona e al Giappone. Per questo vorrà tornare alla sua lira per spingere le esportazioni”.

Dunque, secondo l’analista, Roma potrebbe lasciare non solo la Ue ma anche l’area euro. Questo prima ancora che si concludano le trattative sull’uscita di Londra.

Leggi anche:
Il Guardian vede l’Italia fuori dall’euro
L’economista: “Così l’Italia può uscire dall’Euro”
L’Euro è tecnicamente fallito. E la colpa è della Germania
Tasse al 17%, Pil e investimenti in crescita. La Gran Bretagna post Brexit vola
Il caso Deutsche Bank, bomba atomica sul sistema bancario europeo

Da Brexit a Quitaly: “Italia la prossima a lasciare l’Ue”. L’analisi dell’economista
Da Brexit a Quitaly: “Italia la prossima a lasciare l’Ue&#...