Da 30 a 50 euro alle pensioni minime. Renzi: “Se vince il Si abbasso le tasse”

“Tasse ancora giù, con buona pace di Monti”. Così il premier Matteo Renzi, in conferenza stampa a Palazzo Chigi, illustra le modifiche apportate alla legge di Bilancio che ha avuto il via libera della Camera. “Va giù l’Ires, via l’Irpef agricola, interventi sulle partite Iva”, spiega il presidente del Consiglio, riconoscendo che “alcune buone notizie sono arrivate dal passaggio alla Camera”. Con la manovra arrivano “30-50 euro per le pensioni più basse, quelle sotto i mille euro, purtroppo non siamo riusciti ad arrivare a 80 euro”.

Prima del voto alla Camera, Renzi era tornato sui temi fiscali legati all’esito del referendum di domenica prossima. “Il giorno dopo il referendum, se vince il Sì dobbiamo aprire una nuova, nuova, nuova stagione di cambiamento in Europa. Se vinciamo il referendum possiamo dare le carte in Europa” – aveva detto nel video forum de La Stampa a Torino.

In caso vittoria del Sì “bisognerà ascoltare le forze sociali per capire dove intervenire” ha detto Renzi, aggiungendo che “bisogna ridurre le tasse” e “bisogna decidere se intervenire sull’Iva o sull’Irpef”, con una preferenza personale per la seconda ipotesi (“Secondo me meglio intervenire sull’Irpef ma si può ragionare”).

Quanto alle polemiche suscitate dalla presa di posizione del settimnale britannico Economist, che in un editoriale ha invitato gli italiani a votare No al referendum per favorire l’arrivo di un nuovo governo tecnico, Renzi ha commentato ironico: “Magari per l’Italia è meglio, ma io l’ultimo governo tecnico che ricordo ha alzato le tasse”.

Leggi anche:
La Camera dà il via libera alla legge di Bilancio
Referendum, l’Economist vota NO: “L’addio di Renzi non è un dramma”

Da 30 a 50 euro alle pensioni minime. Renzi: “Se vince il Si abbasso le tasse”
Da 30 a 50 euro alle pensioni minime. Renzi: “Se vince il Si abb...