Crollo dei consumi, su solo le promozioni. Ecco come cambia il modo di fare la spesa. Di’ la tua

Un calo medio delle vendite al dettaglio del 6,8% in un anno, il peggiore nell'ultimo decennio. Gli italiani vanno al risparmio o fanno la spesa in modi alternativi

Gli italiani tirano la cinghia. Lo confermano i dati sulle vendite di prodotti alimentari che con un -6,1% rispetto a un anno fa segnano la flessione massima negli ultimi 11 anni. Va anche peggio per il “non food” con un -7,1%. Secondo l’Istat, ad aprile 2012 l’indice grezzo delle vendite al dettaglio totali segna una caduta del 6,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Una crisi dei consumi che tocca anche la grande distribuzione – con un -4,3% del volume di vendite in un anno – e non solo i piccoli negozi che comunque registrano la flessione più marcata, a -8,6%. Le perdite minori si registrano nei discount (-3,0%).

Crisi generalizzata

Il calo dei consumi riguarda tutti i prodotti. Ecco gli andamenti, sempre anno su anno,  rilevati dall’Istat su diverse categorie merceologiche:
farmaceutici: -9,2%,
abbigliamento e pellicceria: -8,9%,
calzature, pelletteria e valigeria: -8,6%,
cartoleria, libri, giornali e riviste: -7,2%,
profumeria e cura della persona: -5%
informatica, telecomunicazioni e telefonia: -4%,
cd, dvd e strumenti musicali: -3,6%.

Risparmiare innanzitutto

Il risparmio è sempre più la bussola a dei consumatori italiani. Lo dimostra un dato in controtendenza, il successo delle promozioni. Secondo una rilevazione di Unimpresa, gli acquisti effettuati nell’ambito di un’offerta promozionale sono cresciuti del 73% rispetto all’anno scorso. Trionfano soprattutto gli sconti superiori al 20%. E lo sconto sembra avere un appeal che prescinde dal tipo di prodotto. La corsa al risparmio riguarda tutti i generi merceologici, non solo gli alimentari. Al di là delle riflessioni sui meccanismi psicologici di acquisto, è un fenomeno che evidenzia le difficoltà economiche di un sempre maggior numero di famiglie italiane.

Sulla stessa linea si colloca l’analisi Coldiretti/Swg che evidenzia che il 59% dei consumatori italiani ha aumentato la ricerca dei “3×2” e il 31% ha ridotto le dosi acquistate, comprando meno frutta, vino e carne.

Ma la crisi economica può avere anche ricadute “virtuose”: il 57% del campione dichiara di aver ridotto lo spreco di cibo. E sempre secondo Coldiretti,  si diffondono sempre più i modelli di spesa alternativa come le vendite porta a porta, i Gas (gruppi di acquisto solidale) e i farmer market, i mercatini dei produttori locali.

Crollo dei consumi, su solo le promozioni. Ecco come cambia il modo di fare la spesa. Di’ la tua
Crollo dei consumi, su solo le promozioni. Ecco come cambia il modo di...