Come sopravvivere alle telefonate moleste dei call center

Se la cosa vi infastidisce potete mettere fine a queste chiamate in poco tempo. Basta sapere come

Sembra che lo sappiano. Proprio nell’esatto momento in cui ci sediamo a tavola o stiamo schiacciando un riposino pomeridiano, i gentili quanto insistenti operatori dei call center fanno squillare il telefono e propongono la solita nuova, imperdibile offerta del gas, dell’elettricità, del telefono o della tv satellitare.

Sfuggire a tutte le chiamate di chi vuole venderci cose è impossibile, ma quella contro il telemarketing non è una battaglia persa: grazie ad alcune dritte, si può ottenere di non farsi chiamare più dai call center, o per lo meno si può schivare la maggior parte delle telefonate.

1. Evitare di dare il proprio numero di telefono
Quando si compilano i moduli di iscrizione a particolari servizi, dalle carte fedeltà dei supermercati all’abbonamento di una rivista, è meglio evitare di inserire il proprio numero di telefono (casa o cellulare): in alternativa si può spesso fornire un indirizzo email dove lo spam è più semplice da tenere sotto controllo. In tutti i casi, non dare mai il proprio consenso laddove compaiono le parole “terzi”, “altre aziende”, “servizi alternativi” e dizioni simili, ovvero quelle parti che riguardano la cessione dei propri dati a terzi, cioè ad altre società che potranno usare i propri dati a fini commerciali e quindi tempestarci di telefonate indesiderate.

2. Iscriversi al Registro pubblico delle opposizioni
Per tentare una difesa al trillo inopportuno, uno strumento previsto da normative poco conosciute è quella del “Registro pubblico delle opposizioni“, un albo in cui si può immettere il proprio numero telefonico, al quale sarebbe vietato l’accesso da parte di aziende per motivi commerciali. L’iscrizione al Registro è completamente gratuita, si fa una volta sola e se non si cambia numero non deve essere mai rinnovata. Il modo più pratico per farla è online. I call center hanno 15 giorni di tempo per aggiornare i loro elenchi ed eliminare i numeri segnati nel Registro: è vietato chiamarli e se lo fanno incorrono in sanzioni di vario tipo. Le aziende che fanno telemarketing sono inoltre obbligate a mostrare sempre il loro numero di telefono e a identificarsi chiaramente, se non lo fanno il loro comportamento scorretto può essere segnalato all’Autorità Garante per la Privacy.

3. Bloccare i numeri indesiderati
Sul mercato sono disponibili applicazioni che permettono di identificare in tempo reale chi sta chiamando e consentono di bloccare le chiamate da particolari numeri. Dopo una chiamata di telemarketing, si può inserire il numero del chiamante nella lista di quelli da cui non si desiderano ricevere altre chiamate: dà meno soddisfazione di far valere i propri diritti, ma risolve efficacemente il problema.

Leggi anche:
Call center: regole infrante e chiamate a ogni ora. Un sistema da rifondare 
Niente chiamate di domenica e festivi: le nuove regole dei call center
Call center, le aziende si spostano all’estero. Allarme posti di lavoro
Telemarketing, stop alle telefonate moleste

 

Come sopravvivere alle telefonate moleste dei call center
Come sopravvivere alle telefonate moleste dei call center