Bollette luce e gas troppo care? Novità su reclami e ricorsi

Introdotto un ulteriore passaggio da seguire nella procedura di contestazione delle bollette di luce di gas

Sono diversi i motivi per cui ci si può trovare a dover contestare una bolletta di luce e gas: dall’attivazione di servizi a pagamento non richiesti al mancato recapito delle bollette, fino a vedersi addebitati costi molto maggiori rispetto ai consumi. Indipendentemente dalla motivazione, si può sempre segnalare il problema e fare ricorso, seguendo però dal 1° gennaio 2018 le nuove procedure indicate dall’Autorità per l’Energia elettrica, il gas e il sistema idrico (Aeegsi).

Questo in seguito al fatto che il 21 settembre “l’Aeegsi ha introdotto un ulteriore passaggio da seguire nella procedura di contestazione delle bollette di luce di gas” ricorda SuperMoney, portale formalmente accreditato dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni per la correttezza e la trasparenza dei confronti effettuati (Area Telefonia & TV).

LA NUOVA PROCEDURA – Il nuovo passaggio nella procedura di contestazione servirà per limitare l’intervento di un giudice e garantire una soluzione più rapida: “Verrà attuato solo se i precedenti tentativi, segnalazione alla compagnia energetica e conciliazione obbligatoria, non dovessero produrre degli effetti” evidenzia SuperMoney.

In questi casi, secondo quanto stabilito dall’articolo 2 (‘Ambito di applicazione’) dell’allegato alla delibera, “il cliente o utente finale può presentare istanza all’Autorità per la definizione delle controversie non risolte in sede conciliativa a causa della mancata partecipazione dell’operatore o del gestore al tentativo obbligatorio di conciliazione di cui all’articolo 1, comma 1, lettera i”.

30 GIORNI – Basterà rivolgersi all’Autorità per l’Energia, inviando una comunicazione entro 30 giorni dalla conclusione del tentativo obbligatorio di conciliazione “ovvero qualora per i medesimi fatti e tra le stesse parti sia stata adita l’Autorità”, si legge nel documento.

Ma attenzione: “Sono escluse dall’applicazione della presente Disciplina le controversie relative al recupero crediti ovvero le controversie che riguardano esclusivamente profili tributari o fiscali”. A questo punto, se i controlli mettessero in luce comportamenti scorretti da parte delle società di servizi, l’Autorità potrà intervenire con sanzioni.

Il termine per la conclusione del procedimento è di 120 giorni che decorrono dalla data di deposito dell’istanza, viene stabilito all’articolo 5 dell’allegato.

CONTESTARE LE BOLLETTE ERRATE – Intanto, ricorda SuperMoney, in attesa che il provvedimento entri in vigore il prossimo 1° gennaio, bisognerà continuare a seguire la classica procedura di contestazione delle bollette, in due passaggi:

  1. segnalazione dell’anomalia al fornitore attraverso l’invio di comunicazione scritta, tramite raccomandata A/R, in cui si descrive il problema e si forniscono tutte le informazioni utili all’identificazione dell’utenza e dell’intestatario del contratto;
  2. in caso di risposta parziale o non soddisfacente si dovrà ricorrere al tentativo di conciliazione obbligatorio tra le parti, ovvero utente e compagnia energetica, presso il Servizio conciliazione dell’Autorità. Il procedimento è gratuito è dovrà concludersi entro 90 giorni. La richiesta dovrà essere inviata entro 50 giorni dall’invio del reclamo.

In collaborazione con Adnkronos

Leggi anche:
Bonus elettrico: come ottenere lo sconto in bolletta
Telefonia e Sky, stop del Governo alle bollette ogni 4 settimane
Conto corrente, dal 1° ottobre costi in aumento e stangata sui conti online
Pagamenti con carte e bancomat, si cambia: arriva il tetto sulle commissioni

Bollette luce e gas troppo care? Novità su reclami e ricorsi
Bollette luce e gas troppo care? Novità su reclami e ricorsi