Bankitalia, calano i costi del conto corrente

Ora gli italiani spendono in media 77 euro l’anno

Buone notizie per i risparmiatori italiani: calano i costi del conto corrente. Bankitalia rileva infatti come la spesa effettiva di gestione di un conto corrente “rappresentativo” sia stata mediamente pari a 85 euro nel periodo 2010-2015 e a 77 euro nel 2015 (ultimo anno di osservazione). La contrazione è attribuibile alla diminuzione degli oneri fissi e in particolare ai minori canoni annui.

L’indagine, spiega Bankitalia, “calcola la spesa media di gestione di un conto corrente sostenuta da un campione rappresentativo di famiglie sulla base delle commissioni addebitate e dell’operatività documentata negli estratti conto di fine anno”. Negli ultimi cinque anni questa spesa è andata progressivamente calando con una discesa media dei costi pari al 3,4% annuale.

Si tratta di dati in larga parte determinati dalla diminuzione dei cosiddetti oneri fissi, in particolare per quel che riguarda il canone annuo. In discesa anche gli oneri variabili, legata al calo medio del costo delle singole operazioni; da questo punto di vista, invece, un costo maggiore è stato rappresentato dalla crescita dell’operatività dei clienti.

Nel quinquennio, prosegue la Banca d’Italia, “le spese effettive di gestione riferibili ai conti di più recente apertura si sono ridotte più della media”. Ciò riflette soprattutto la diversa composizione del paniere di servizi bancari utilizzati in questi conti. Significativo anche il contributo di offerte commerciali vantaggiose volte all’acquisizione di nuova clientela.

Leggi anche:
Banche, arriva il conto corrente gratis per legge: come funziona
Prelievi dal bancomat e versamenti sul conto corrente: come cambiano
Conto corrente in rosso? Si può chiudere quando si vuole, senza spese

Bankitalia, calano i costi del conto corrente
Bankitalia, calano i costi del conto corrente