Regione Veneto, contributi per le PMI a conduzione femminile

La Giunta Regionale del Veneto ha messo a disposizione delle PMI a prevalente conduzione femminile 3 milioni di euro da usare entro il 31 dicembre

Il sostegno e lo sviluppo dell’imprenditoria femminile è uno dei punti fermi del Governo e delle Regioni per incentivare la ripresa economica. In Italia sono ancora poche le piccole e medie imprese a prevalente conduzione femminile, sebbene negli ultimi anni siano stati fatti dei grossi passi in avanti. La Regione Veneto è dal 2000 che è scesa in campo a favore delle imprese a conduzione femminile stabilendo per Legge un fondo che aiutasse le donne a creare la propria azienda. Ora la Giunta Regionale ha deliberato un nuovo bando che mette a disposizione delle imprenditrici oltre 800.000 euro da utilizzare per l’acquisto di strumentazione, di mezzi di trasporto, attrezzature e arredo per le proprie aziende. Inoltre, entro 31 dicembre 2017, il fondo sarà rafforzato con ulteriori 2,2 milioni di euro, per un totale di 3 milioni di euro.

Come funziona il bando

Le imprese potranno presentare la domanda direttamente all’ente regionale di riferimento. Sono ammesse tutte le piccole e medie imprese dei settori dell’artigianato, dell’industria, del commercio e dei servizi che vogliono acquistare macchinari, ristrutturare la fabbrica attraverso opere murarie o edili, programmi informatici e mezzi di trasporto. Il progetto presentato dalle PMI dovrà rispettare dei limiti di spesa: non potrà essere inferiore ai ventimila euro e superiore ai centomila euro. Inoltre, le piccole e medie imprese dovranno essere a conduzione prevalentemente femminile, con la titolare dell’azienda che deve aver vissuto in Veneto negli ultimi due anni. Infine, come succede spesso con questo tipo di agevolazioni, la somma erogata dalla Regione non andrà a coprire tutta la spesa, ma solamente una parte: al resto ci dovrà pensare l’azienda.

Regione Veneto, contributi per le PMI a conduzione femminile
Regione Veneto, contributi per le PMI a conduzione femminile