CNA, la burocrazia fa perdere tre giorni all’anno alle PMI

Secondo una ricerca del Centro Studi della CNA, le piccole e medie imprese spendono oltre 22 miliardi di euro per la burocrazia

Uno dei problemi storici dell’economia italiana è la burocrazia. Nonostante le promesse dei tanti Governi che si sono succeduti negli ultimi venti anni, per gli imprenditori italiani riuscire ad adempiere gli obblighi burocratici è diventato sempre più complicato. Per aprire una nuova azienda, oltre a dover pagare bolli e tasse, gli imprenditori devono aspettare anche le lungaggini burocratiche. Secondo una ricerca del Centro Studi della CNA (Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa) le PMI italiane ogni anno perdono tra i tre e cinque giorni di lavoro per seguire le pratiche burocratiche e ad aspettare le risposte degli enti pubblici. Inoltre, la burocrazia ha un costo annuale di 22 miliardi di euro, che vanno a incidere pesantemente sui bilanci delle piccole aziende.

I dati della ricerca

Andando ad analizzare più a fondo i dati della ricerca del Centro Studi della CNA si riesce a capire lo stato d’animo degli imprenditori italiani. Nonostante l’economia sia in ripresa, come confermano tutti i dati macroeconomici, gli imprenditori sono preoccupati per la burocrazia e per la Pubblica amministrazione. Il rapporto tra PMI ed enti pubblici è molto conflittuale: gli imprenditori accusano la PA di far perdere troppo tempo e di rispondere in ritardo alle richieste delle aziende. Secondo il 41,3 delle oltre mille PMI intervistate dal Centro Studi della CNA ogni anno si perdono tre giorni di lavoro per seguire le pratiche burocratiche, mentre per il 32,2% delle aziende i giorni salgono a cinque. Possono sembrare pochi giorni, ma in un mercato sempre più globalizzato, anche poche ore possono fare la differenza. Inoltre, la burocrazia ha un costo per le PMI italiane di circa 22 miliardi di euro.

Come migliorare la situazione

Secondo le piccole e medie imprese, la soluzione potrebbe arrivare dalla digitalizzazione delle Pubblica Amministrazione. Se le aziende potessero adempiere agli obblighi burocratici direttamente tramite la Rete, il processo potrebbe essere molto più veloce e anche più economico. E non solo per le piccole e medie imprese, ma anche per la Pubblica Amministrazione che non dovrebbe spendere soldi inutili in documenti cartacei e per il personale allo sportello. Inoltre, semplificando anche l’iter burocratico, per le aziende sarà più semplice riempire moduli e inviarli alla PA.

CNA, la burocrazia fa perdere tre giorni all’anno alle PMI
CNA, la burocrazia fa perdere tre giorni all’anno alle PMI