In pensione a 70 anni: attenzione al requisito trappola

Gli attuali requisiti per l'accesso alla pensione, previsti dalla Riforma Fornero, prevedono un importo minimo di assegno maturato, diversamente si resta al lavoro oltre i 70 anni

Tra i vincoli della Riforma Fornero per l’accesso alla pensione di vecchiaia – l’unico trattamento che rimarrà nel lungo periodo con l’eliminazione di quello di anzianità basata sugli anni di contribuzione – non c’è solo l’aumento dell’età pensionabile (considerando anche gli scatti dovuti all’adeguamento alle aspettative di vita), ma anche il requisito trappola dell’importo minimo, che costringerà i futuri pensionati a rimanere al lavoro anche fino a 70 anni. Ne parla dettagliatamente il sito delle piccole-medie imprese pmi.it.

In generale, per ottenere l’assegno previdenziale è necessario che il lavoratore abbia raggiunto l’età anagrafica (a regime, 66 anni e 7 mesi) e, in caso di primo accredito contributivo versato dopo il 1° gennaio 1996, che abbia versato un determinato numero di contributi. Non solo. Quello che non tutti sanno è che, per ottenere la pensione di vecchiaia prevista dalla Riforma Fornero è altresì necessario che l’assegno raggiunga, con i contributi versati, un importo minimo. Altrimenti sarà necessario rimanere al lavoro fino a 70 anni.

In particolare, l’importo della pensione non dovrà essere inferiore a 1,5 volte l’importo dell’assegno sociale, altrimenti si resta al lavoro fino ai 70 anni più 3 mesi, ferma restando un’anzianità contributiva effettiva di cinque anni, esclusi eventuali contributi figurativi.

Alla luce delle simulazioni effettuate tramite il servizio INPS La mia Pensione Online: un lavoratore “medio” di 40 anni con stipendio di 1500 euro netti e quindici anni di contributi alle spalle, da qui a quando raggiungerà l’eta teoricamente pensionabile potrebbe non arrivare neppure a questo minimo (calcolato ad oggi, circa 700 euro di pensione al mese): per arrivare a circa mille euro dovrebbe infatti lavorare sempre e con un stipendio non inferiore a quello attuale. Una garanzia che non certo tutti hanno.

Nel mercato del lavoro di oggi, caratterizzato da carriere discontinue e retribuzioni spesso piuttosto esigue, è ancor più facile che gli under 30 di oggi arriveranno all’età della pensione con l’impossibilità di accesso all’assegno previdenziale con i requisiti anagrafici standard. Una situazione che rende ancora più urgente una revisione del sistema previdenziale italiano.

Leggi anche:
Ai parlamentari 140mila euro di pensione. Il quadruplo del versato
RITA a 5 anni dalla pensione. Il governo ci pensa
Dal 2018 donne in pensione a 66 anni come gli uomini
Pensione? Anticipata con l’Ape: ma quanto peserà la rata?
Riforma delle pensioni nella prossima legge di Stabilità

In pensione a 70 anni: attenzione al requisito trappola
In pensione a 70 anni: attenzione al requisito trappola