Visita fiscale: Quante volte si può essere sottoposti al controllo?

Visita fiscale: facciamo chiarezza sui vari aspetti, compresi modalità e tempi con cui il medico fiscale può venire a far visita nel nostro domicilio

Praticamente tutti sappiamo che quando un lavoratore, pubblico o privato che sia, è costretto ad assentarsi dal lavoro deve presentare un certificato medico (che deve essere prontamente comunicato all’Inps) e deve anche essere pronto all’arrivo della visita fiscale. Esistono però molte situazioni che lasciano i lavoratori nel dubbio. In particolare molte perplessità nascono dai controlli, che rischiano di instillare ansia e preoccupazione anche nei lavoratori che sono in buona fede. Per questo motivo abbiamo deciso di fare chiarezza sui vari aspetti della visita fiscale, che alcuni lavoratori temono in maniera particolare. In ogni caso nelle prossime righe prenderemo in considerazione i casi più comuni, se al contrario volete approfondire non solo questo aspetto, ma preferite approfondire tutti vari aspetti come ad esempio i certificati medici, potete trovare le risposte che state cercando in questa guida che abbiamo creato per raggruppare tutte le FAQ.

Tornando alla domanda principale: quante volte si può essere sottoposti al controllo, la risposta è molto semplice perché infatti sia per i lavoratori privati che per i dipendenti pubblici il controllo fiscale può essere ripetuto una seconda volta (parliamo all’interno dello stesso periodo di malattia) solo se il certificato medico viene prolungato o se si verifica una ricaduta. Naturalmente la visita fiscale deve rispettare gli orari previsti, che sono dalle ore 9,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 18,00 per i lavoratori pubblici mentre per i lavoratori privati il controllo può arrivare dalle ore 10,00 alle 12,00 e dalle 17,00 alle 19,00.

Questo però apre la strada a tante altre domande, come ad esempio se esiste la possibilità di ricevere il controllo anche la domenica e nei festivi, oppure se è possibile che il campanello suoni anche nel primo giorno di malattia. Per rispondere a queste domande possiamo dire che non esiste nessun regolamento che vieta un controllo durante i giorni festivi, invece la situazione è leggermente diversa per la visita fiscale durante il primo giorno di malattia. Infatti, anche se è possibile ricevere il controllo nelle prime 24 ore, è piuttosto improbabile soprattutto per i lavoratori privati perché in questo caso il datore di lavoro è costretto a pagare di tasca propria il controllo. Ad ogni modo è bene sapere che in caso non siate in casa quando il medico fiscale si presenta, vi verranno decurtati dallo stipendio i primi 10 giorni di malattia a meno che non ci sia stato un motivo dimostrabile in grado di giustificare la vostra assenza, come ad esempio l’acquisto di un medicinale urgente.

Visita fiscale: Quante volte si può essere sottoposti al controllo?
Visita fiscale: Quante volte si può essere sottoposti al control...