Visita fiscale per infortunio sul lavoro: c’è l’esonero?

Per la visita fiscale l'esonero è previsto in determinate circostanze. Tra queste anche l'infortunio sul lavoro che rappresenta uno dei maggiori motivi di esonero dalla visita

In caso di visita fiscale, l’esonero è previsto dalla legge italiana in determinati casi. Si tratta, in particolare, di quanto previsto dall’articolo 69 del D.L. 150/2009 e dall’articolo 25 del D.L. 151/2015. Questi permettono l’esclusione per i lavoratori vittime di infortunio sul lavoro dagli oneri di reperibilità per visita medica. Al momento queste regole sono valide solo per gli impiegati pubblici. Per quelli privati, il Job Act al D.L. 151/2015 prevede la possibilità di essere esonerati ma la norma non è ancora in vigore in quanto si è in attesa di un nuovo provvedimento che ne fissi le singole motivazioni.

Le ragioni per ottenere l’esonero dalla visita fiscale sono quattro. Si parte dall’esigenza di sottoporsi a terapie salvavita a causa di patologie gravi. Si prosegue con tutte le malattie connesse ad una causa di servizio e le patologie derivanti da situazioni di invalidità attestate. Tra le cause che prevedono, in caso di visita fiscale, l’esonero per il dipendente vi sono anche quelle della gravidanza a rischio e dell’infortunio sul lavoro, ovvero un incidente sul posto di lavoro o anche in itinere, nel tragitto casa lavoro. Questo provoca un danneggiamento psico fisico alla persona che ne risente a livello di salute generale. La regola vale anche se l’infortunio è causato da negligenza o imprudenza.

Come si può agire affinché in caso di possibile visita fiscale l’esonero dalla stessa sia effettivo? Tutto passa attraverso la presentazione di una serie di documenti atti a far scattare il provvedimento. Si tratta di un certificato ASL che comprovi l’esistenza di motivazioni che esonerino dalla visita e dal certificato del medico curante che deve attestare la malattia del lavoratore indicando in maniera precisa la causa relativa all’esenzione e la patologia che causa la malattia stessa. Queste certificazioni vanno presentate direttamente presso la sede INPS più vicina.

Importante sapere quelle che sono le caratteristiche della visita fiscale. Questa può avvenire sin dal primo giorno di malattia ed è effettuabile anche nei giorni festivi. Gli orari sono differenti tra settore pubblico e privato. Per il primo vanno dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00. Per il secondo, invece, dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 17:00 alle 19.00. In caso di assenza ingiustificata al momento della visita del medico fiscale, il lavoratore è soggetto a sanzioni più o meno pesanti, riguardanti sempre e comunque la perdita dell’indennità di malattia in base alla dimostrazione dell’esistenza reale della malattia stessa.

Visita fiscale per infortunio sul lavoro: c’è l’esonero?
Visita fiscale per infortunio sul lavoro: c’è l’esonero?