Turismo: cresce domanda per vacanze in Italia, tedeschi in testa

In aumento sia le presenze che la spesa dei turisti stranieri

(Teleborsa) Si preannuncia un inverno particolarmente piacevole per gli operatori turistici italiani. Gli arrivi di clienti stranieri sono cresciuti dell’1% tra novembre 2016 e aprile 2017 e del +1,4% nelle presenze. Ancora più sostenuto l’incremento della domanda italiana: +1,8% per i flussi e +1,5% per le notti rispetto all’inverno 2015-16, a fronte di una crescita più contenuta del fatturato totale. Stabile invece la propensione degli italiani a fare vacanza all’estero. E’ la fotografia del settore del turismo invernale come emerge dall’ultima indagine organizzata dal Ciset-Centro Internazionale di Studi sull’Economia Turistica.

La congiuntura economica continua a tenere banco nelle decisioni di vacanza degli italiani, mentre è soprattutto la questione sicurezza a guidare le scelte dei turisti stranieri. La Germania sarà il cliente top anche per l’inverno 2016-17, seguita da Francia e Giappone, mentre tendenzialmente stabili gli arrivi da Usa e Regno Unito. Tra gli altri mercati europei segnalati dagli stessi operatori spiccano Scandinavia, Danimarca, Spagna, Polonia, Romania e Ungheria, oltre che Russia. Tra i mercati extraeuropei vengono citati Sud America (Brasile e Argentina in testa), Cina, Corea, Emirati Arabi e Sud Africa.

Per gli italiani saranno il Sud Italia e le Isole le mete preferite: gli operatori si attendono infatti una crescita decisamente più sostenuta del turismo domestico tra novembre e aprile. E sempre le Isole insieme al Nord Italia saranno in proporzione le destinazioni più gettonate dai turisti stranieri. Per gli italiani che invece opteranno per una vacanza all’estero le destinazioni preferite saranno quelle europee a breve-media distanza, localizzate prevalentemente in Sud ed Est Europa (Spagna e isole, Grecia e isole, ma anche Croazia e Slovenia).

Turismo: cresce domanda per vacanze in Italia, tedeschi in testa
Turismo: cresce domanda per vacanze in Italia, tedeschi in testa