Statali, via libera all’accordo sul contratto

Siglato l’accordo per il rinnovo dei contratti dei dipendenti pubblici

Governo e sindacati hanno siglato l’accordo per il rinnovo dei contratti dei dipendenti pubblici. Dopo una lunga trattativa che ha preso il via stamane al Ministero della Pubblica Amministrazione, le parti sono arrivate ad un’intesa quadro per rinnovare il contratto del pubblico impiego fermo da sette anni.

I NUMERI – A Palazzo Vidoni si sono seduti intorno al tavolo delle trattative, il Ministro della Funzione pubblica, Marianna Madia, i leader delle confederazioni sindacali CGIL, CISL e UIL e i rappresentanti delle categorie.

Per la platea di oltre tre milioni di lavoratori è arrivata solo pochi giorni fa la sentenza della Consulta che ha bocciato la riforma Madia, giudicandola incostituzionale.

Intanto, secondo quanto emerge dalle prime indiscrezioni, il Governo avrebbe messo sul piatto 850 milioni di euro per il rinnovo dei contratti nel 2017.

L’Esecutivo spinge perché ci sia un’intesa prima del referendum, come rivelato dallo stesso Premier Renzi.

Tra i nodi da sciogliere gli aumenti di 85 euro che il Ministro Madia ha ribadito essere medi e non minimi, mentre i sindacati fanno pressing per 85 euro di aumento minimo.

Altro argomento scottante il bonus fiscale da 80 euro. I sindacati chiedono l’impegno del Governo a mantenere il bonus senza che lo scatto degli aumenti contrattuali ne determini decaduta o decurtazione.

“E’ il Governo che deve dare delle risposte sugli 85 euro e su come gli aumenti contrattuali del pubblico impiego si intrecciano al bonus degli 80 euro”, ha spiegato Susanna Camusso, numero uno della CGIL.

Annamaria Furlan, leader della CISL auspica una chiusura della trattativa “dopo tanto lavoro siamo venuti qui per chiudere”, ha detto la Furlan che ha poi aggiunto: “Spero in un buon accordo, anche sugli 85 euro. Entriamo per fare un buon accordo che finalmente dopo sette anni sblocchi il contratto e valorizzi innovazione e produttività.

Alle due leader sindacali ha fatto eco il numero uno della UIL, Carmelo Barbagallo: “Siamo qui per chiudere, se possibile avendo le risposte che servono”, ha spiegato il sindacalista.

Leggi anche:
Pa, la Consulta boccia la riforma Madia: salvi i furbetti del cartellino
I furbetti del cartellino: senatori beccati a Palazzo Madama
Statali, stretta su malattia e permessi: possibile richiamo dalle ferie
Statali, ai dirigenti 800 milioni di premi. La denuncia di Bankitalia
Dirigenti statali, stretta del governo: “Licenziare gli inadeguati”
Vecchi e malpagati: ritratto dei dipendenti della PA
Mai una assenza in 42 anni: la storia di Tina, impiegata record
La supplica del dirigente pagato per non fare nulla: “Fatemi lavorare”
Tutto sull’assenteismo

Statali, via libera all’accordo sul contratto
Statali, via libera all’accordo sul contratto