Statali, via libera al nuovo piano assunzioni per i precari da almeno tre anni

I tre anni di lavoro precario per entrare nel piano di assunzioni straordinario, previsto dal decreto Madia, potranno essere anche non continuativi

I precari che hanno lavorato per almeno tre anni nella Pubblica amministrazione rientreranno nel piano di assunzioni straordinario della Pa. E’ quanto prevede l’ultima bozza del Testo unico per il pubblico impiego. I tre anni basteranno per rientrare nel gruppo delle assunzioni anche se non saranno continuativi.

Nelle bozze della riforma Madia finora circolate il numero di anni non era ancora stato specificato. Resta ancora da capire quale sarà il periodo di riferimento per calcolarli: un confine essenziale per potere circoscrivere la platea degli interessati. I tre anni sono anche il tetto massimo di precariato consentito nel privato e la norma tenderebbe ad avvicinare i due mondi.

Il piano straordinario per le assunzioni coprirà il triennio che va dal 2018 al 2020 e dovrebbe consentire l’assunzione in via definitiva dei precari storici del pubblico impiego attraverso un meccanismo basato su due livelli: il primo riguarderà chi lavora a tempo determinato nella pubblica amministrazione e ha alle spalle un concorso attraverso il quale è già stato selezionato. Poi ci sono coloro che lavorano negli uffici pubblici e che non sono stati selezionati attraverso un concorso: per questi lavoratori precari si dovrebbe costituire una riserva almeno del 50% per partecipare ai bandi che metteranno a concorso i nuovi posti disponibili con contratti di lavoro flessibile, sulla base dei fabbisogni della pubblica amministrazione.

L’intervento che ha fatto da apripista, sul cui modello è basato anche questo piano, è quello, lanciato dal governo l’estate scorsa, che ha consentito alla amministrazioni comunali di risolvere il problema del personale scolastico, precario, di materne e asili nido.

Leggi anche:
Asili nido e telelavoro: in arrivo le misure pro-famiglia per gli statali
Malattia, Boeri: “Reperibilità di 7 ore sia nel pubblico che nel privato”
Visite fiscali, si cambia: polo unico Inps e controlli mirati (anche per gli statali)
Statali, giro di vite su malattia e permessi: cosa cambia
Statali, stretta su malattia e permessi: possibile richiamo dalle ferie
Tutto sui precari

Statali, via libera al nuovo piano assunzioni per i precari da almeno tre anni
Statali, via libera al nuovo piano assunzioni per i precari da almeno ...