Scuola e PA, il Governo stanzia appena 85 euro di aumento dopo 7 anni di blocco

(Teleborsa) – Disco verde per il decreto che sblocca 2,5 miliardi di euro: manca solo il via libera della Corte dei conti.

Una volta stanziate le risorse, potrà mettersi in moto l’iter che porterà all’inizio della contrattazione; verrà inviata una direttiva all’Aran per riavviarla, i decreti dovrebbero essere approvati entro fine maggio.

Per il sindacato della scuola Anief, accettare queste condizioni “sarebbe un vero tradimento dei lavoratori”. Perché secondo la normativa vigente e la sentenza della Consulta, in attesa della firma del contratto, dal settembre 2015 “lo Stato avrebbe dovuto versare a ogni dipendente pubblico 105 euro di aumento medio, riconducibile a una busta paga mensile di 1.500”. Ossia, il 7% del proprio stipendio, salvo recuperare l’altro 50% alla firma del contratto.

Ecco le ragioni per cui è stato deciso di chiedere ai lavoratori della scuola e della P.A. di inviare la diffidare di attendere il responso da parte della Corte Costituzionale, spiega il sindacato.

“Alla luce delle cifre risibili in arrivo, con gli 85 euro lordi che rappresentano anche una media lorda e non la cifra certa che ogni dipendente pubblico andrà a percepire, lo stipendio non andrà a coprire nemmeno il gap rispetto all’inflazione venutasi a creare in questo periodo per il mancato adeguamento dell’indennità di vacanza contrattuale”, commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief. Se non si firma, il lavoratore avrebbe già comunque garantiti 22 euro in più in busta paga. Un accordo, spiega il sindacalista, tenendo conto di questa situazione, “si potrebbe chiudere dunque solo garantendo 103 euro in più. Esattamente come è avvenuto nel settore privato”.

Scuola e PA, il Governo stanzia appena 85 euro di aumento dopo 7 anni di blocco
Scuola e PA, il Governo stanzia appena 85 euro di aumento dopo 7 anni ...