Pensioni, Ape social: Gentiloni firma il decreto. Le richieste entro il 15 luglio

Via libera anche per i lavoratori "precoci"

(Teleborsa) Arrivano novità importanti, da tempo nell’aria, sulle pensioni. Disoccupati e lavoratori disagiati, infatti, potranno fare domanda per anticipare gratuitamente la pensione di tre anni e sette mesi.

I TEMPI – Le domande per l’accesso all’anticipo pensionistico sociale con i requisiti raggiunti entro il 2017 andranno presentate entro il 15 luglio. Chi raggiunge i requisiti nel 2018, invece, dovrà fare domanda entro il 31 marzo 2018. Lo si legge nel decreto attuativo sull’Ape sociale firmato dal premier Paolo Gentiloni che lo ha annunciato anche tramite twitter.

OK ANCHE PER I “PRECOCI” – Via libera anche alle domande di pensionamento anticipato anche per i lavoratori precoci.  che hanno iniziato prima dei 19 anni e sono in difficoltà, potranno ritirarsi con 41 anni di contributi, in anticipo di un anno e 10 mesi per gli uomini e di dieci mesi per le donne.

LA PLATEA – La platea potenziale per il 2017 è di 60mila persone (35mila per l’Ape social e 25mila per i precoci), mentre altri 45mila potrebbero avere i requisiti nel 2018 (20mila Ape social e 25mila precoci).
Chi può fare domanda per l’Ape social – Ovviamente, per poter accedere alla misura, occorre soddisfare alcuni requisiti. L’anticipo, infatti, spetta ai lavoratori pubblici e privati con almeno 63 anni di età purchè disoccupati che hanno esaurito gli ammortizzatori da almeno tre mesi; soggetti che assistono il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap grave; invalidi civili con un grado di invalidità pari o superiore al 74%; dipendenti che svolgono da almeno sei anni, da calcolarsi nell’ambito degli ultimi sette, in via continuativa un lavoro particolarmente difficoltoso o rischioso (come ad esempio operai edili, operatori ecologici, facchini, infermieri organizzati su turni ecc).
L’Ape sociale non è compatibile con altre forme di sostegno al reddito per disoccupazione involontaria (Naspi, mini-Aspi, Asdi, e dis-col); è invece compatibile con redditi da lavoro dipendente o da collaborazione coordinata e continuativa fino a un tetto di 8mila euro annui oppure di 4.800 euro annui se il reddito è da lavoro autonomo.
Pensioni, Ape social: Gentiloni firma il decreto. Le richieste entro il 15 luglio
Pensioni, Ape social: Gentiloni firma il decreto. Le richieste entro i...