Licenziamento per assenze strategiche: ora è possibile

Legittimo il licenziamento del lavoratore che collega assenze e riposi anche senza superare il periodo di comporto: normativa e sentenze

Quando le assenze per malattia avvengono per un numero esiguo di giorni e si reiterano troppo di frequente, soprattutto se costantemente agganciate ai giorni di riposo, la Cassazione (cfr. sentenza n. 18678/2014) legittima il licenziamento per giustificato motivo oggettivo del lavoratore. Lo riporta pmi.it, il sito delle piccole-medie imprese.

Le ripetute assenze ‘a macchia di leopardo’, comunicate senza preavviso, anche se non superano il periodo di comporto provocano infatti: “una prestazione lavorativa non sufficientemente e proficuamente utilizzabile da parte della società, risultando la stessa inadeguata sotto il profilo produttivo, e pregiudizievole per l’organizzazione aziendale”.

Le assenze comunicate all’ultimo momento, tra l’altro, determinano la difficoltà di trovare un sostituto dando luogo a scompensi organizzativi. In questi casi il licenziamento è giustificato anche senza superamento del periodo di comporto ed anche se il datore di lavoro non dimostra come le assenze abbiano causato problemi all’organizzazione produttiva.

La Corte, richiamando l’art. 3 della legge n. 604 del 1966, ricorda che: “Il licenziamento per giustificato motivo con preavviso è determinato da un notevole inadempimento degli obblighi contrattuali del prestatore di lavoro ovvero da ragioni inerenti all’attività produttiva, all’organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa”.

Secondo la legge (Cassazione, n. 3876 del 2006), inoltre, è legittimo il licenziamento per scarso rendimento qualora sia provata una evidente violazione della diligente collaborazione dovuta dal dipendente – e a lui imputabile – in conseguenza dell’enorme sproporzione tra gli obiettivi fissati dai programmi di produzione per il lavoratore e quanto effettivamente realizzato nel periodo di riferimento.

Leggi anche:
Controllo del lavoratore: ecco quando è possibile
Email e smartphone aziendali: cosa può controllare il datore di lavoro
Ecco 5 App che permettono di ‘controllare’ amici, familiari e dipendenti
Autonomi e partite Iva: novità in arrivo su fatture e malattia
Certificato di malattia: obbligo di rettifica se si guarisce prima
Malattia: sì al licenziamento se assenti alla visita fiscale
Malattia e visita fiscale, cosa cambia nel 2017
VirgilioGenio: i motivi di licenziamento

Licenziamento per assenze strategiche: ora è possibile
Licenziamento per assenze strategiche: ora è possibile