Lavoro, Poletti promette sgravi al 50% per chi assume giovani

Per i primi tre anni di contratto a tempo indeterminato firmati dai giovani tra i 29 e i 35 anni

(Teleborsa) – I primi tre anni di contratto a tempo indeterminato firmati dai giovani vedranno per le imprese uno sgravio attorno al 50% degli oneri previdenziali. Parola di ministro del Lavoro.

Giuliano Poletti lo ha affermato al termine di un incontro con i sindacati. Il ministro ha poi aggiunto che non è ancora stata individuata la platea dei beneficiari e al momento si va da un tetto di 29 anni a quello di 35 anni. Poletti  ha spiegato che l’ipotesi è “molto larga”. La volontà del Governo è di una misura “strutturale per avere un decontribuzione intorno al 50% degli oneri previdenziali, che vorremmo dare ad una platea che però non è ancora (definita: sapete che c’e’ una discussione in atto)”.

Al tavolo si sono seduti CGIL CISL e UIL: tra i punti fondamentali dell’incontro proprio i nuovi sgravi per le assunzioni a tempo indeterminato dei giovani, che potrebbero arrivare a misura di un taglio dei contributi previdenziali pari al 50%, fino ad un limite di 3.250 euro per 2-3 anni, per i giovani fino a 29 anni di età.

Si è parlato anche dei licenziamenti, con il divieto per l’azienda (pena la non erogazione o la perdita dell’incentivo) di licenziare sei mesi prima e sei mesi dopo l’assunzione. Tra le ipotesi anche uno sconto di 3-4 punti sull’aliquota contributiva (dal 33% al 30-29%). Per il taglio del cuneo fiscale su imprese e lavoratori sembra invece si debba aspettare il 2019-2020.

Leggi anche:
Lavoro e giovani, bonus per i neoassunti 
Bonus giovani: prevista norma anti-licenziamento
Lavoro: taglio dei contributi per tre anni a chi assume gli under 32

Lavoro, Poletti promette sgravi al 50% per chi assume giovani
Lavoro, Poletti promette sgravi al 50% per chi assume giovani