Lavoro, Jobs Act: crescono i licenziamenti, contratti stabili in calo

Report del ministero del lavoro sul terzo trimestre

Nel terzo e ultimo trimestre del 2016 i rapporti di lavoro a tempo indeterminato attivati sono stati meno di quelli cessati; i numeri parlano infatti di 406.691 assunzioni stabili (-18,7% sul terzo trimestre 2015) e 483.162 cessazioni di rapporti fissi (-3,2%).

Lo si legge nel Report sulle comunicazioni obbligatorie pubblicato sul sito del ministero del Lavoro. Il dato risente della riduzione degli incentivi sulle assunzioni a tempo indeterminato. Nel complesso i rapporti di lavoro attivati nel terzo trimestre sono stati 2,38 milioni, mentre le cessazioni sono state 2,32 milioni.

Crescono i licenziamenti mentre si riducono le dimissioni: nel terzo trimestre del 2016 i licenziamenti individuali e collettivi sono stati 227.358 con un aumento del 10,8% (+22.213) sullo stesso periodo del 2015. Le dimissioni diminuiscono del 17,2% e si attestano a quota 302.335. Il dato risente probabilmente anche delle nuove norme sulle dimissioni on line. Il ministero precisa che oltre 10.000 licenziamenti fanno riferimento alla componente straniera.

Leggi anche:
Lavoro: finito l’effetto sgravi, nessuno assume più in Italia
Lavoro, l’effetto Jobs Act è già finito
Bankitalia: “Lavoro riparte per gli incentivi, non per il Jobs Act”
Jobs Act: nuovo allarme dell’INPS sul crollo dei contratti a tempo indeterminato
Lavoro, guerra di numeri su assunzioni ed effetti del Jobs Act
Tutto sul Jobs Act

Lavoro, Jobs Act: crescono i licenziamenti, contratti stabili in calo
Lavoro, Jobs Act: crescono i licenziamenti, contratti stabili in ...