Lavoro, Istat: nel 2016 cresce l’occupazione e calano gli inattivi

L'occupazione è cresciuta per il terzo anno consecutivo (+1,3%, 293.000)

(Teleborsa) La mancanza di lavoro è uno dei grandi temi dell’agenda politica italiana e mondiale, oltre ad essere uno dei drammi dei giorni nostri. Per questo, seppur in una preoccupante situazione generale fatta di moltissimi bassi e pochi alti, anche e soprattutto i piccoli segnali positivi vengono accolti con un moderato sospiro di sollievo, specie in previsione futura.

Non c’è ovviamente da esultare ma si può quantomeno sperare. Il mercato del lavoro di casa nostra, infatti, mostra segnali di ripresa nel 2016: crescono gli occupati e calano gli inattivi.  Lo rende noto l’Istat che spiega anche come, in tale ottica, l’elemento rilevante è stata appunto, la diminuzione degli inattivi di circa 410mila unità.

L’occupazione è dunque cresciuta per il terzo anno consecutivo (+1,3%, 293.000), a ritmi più sostenuti rispetto al 2015, portando il tasso di occupazione al 57,2% (+0,9 punti). L’aumento ha riguardato soltanto il lavoro alle dipendenze (1,9%, +323.000) e si è concentrato tra i dipendenti a tempo indeterminato (+281.000 in confronto a +42.000 quelli a termine).

Diminuisce anche la disoccupazione: dall’11,9% all’11,7%, con 21mila unità in meno (-0,7%). Si tratta del livello più basso degli utlimi quattro anni (nel 2012 era al 10,7% mentre nel 2013 era balzato al 12,1%).

L’aumento degli occupati, chiarisce l’Istat, coinvolge oltre agli over 50 anche i giovani tra i 15 e i 34 anni. Nel 2016 la media degli occupati è stata di 22.758.000, al livello più alto dall’inizio della crisi economica.

QUARTO TRIMESTRE – Sorride anche il dato relativo al quarto trimestre 2016. L’occupazione aumenta sia rispetto al trimestre precedente (+32.000, +0,1%) sia rispetto allo stesso periodo del 2015 (+252.000, +1,1%).

Solo buone notizie? Ovviamente, no. Cresce, infatti, il tasso di disoccupazione (all’11,9%, +0,2 punti sia rispetto al trimestre precedente sia su base tendenziale). I disoccupati crescono sull’anno di 108.000 unità arrivando a quota 3.077.000 mentre gli occupati sono 22.827.000 (dati destagionalizzati). Gli inattivi 15-64 anni calano di 455.000 unità in un anno.

Lavoro, Istat: nel 2016 cresce l’occupazione e calano gli inattivi
Lavoro, Istat: nel 2016 cresce l’occupazione e calano gli i...