Lavorare in Australia: la guida per chi vuole trasferirsi

Ecco una guida ricca di consigli per lavorare in Australia e cogliere le migliori opportunità nel paese che quasi non conosce la disoccupazione

Chi non ha mai pensato almeno una volta di trasferirsi e andare a lavorare in Australia per cambiare vita? Prima di fare il grande passo però è importante avere le giuste informazioni per non andare incontro a brutte sorprese.

Come ottenere il visto

Ovviamente la preoccupazione principale di chiunque voglia vivere in Australia è il visto, considerando anche il fatto che è fondamentale per lavorare nel paese.
A differenza dei visti per vacanza o studio, ottenerne uno per il lavoro è più complicato ed è bene sapere che avrà una durata di massimo 4 anni e permette ingressi illimitati nel paese.
In ogni caso per ottenere questo genere di permessi è necessario avere già un contratto di lavoro firmato, ecco perché risulta spesso difficile ottenerlo direttamente dall’Italia.

Scrivere il curriculum

Per chiunque aspiri a un lavoro che non sia la classica raccolta di fragole è fondamentale creare un buon curriculum (chiamato resume) perché sarà il proprio biglietto da visita.
A differenza del modello Europass diffuso nel nostro paese, quello australiano è più schematico e personalizzato. Ecco perché in linea generale è sempre meglio dividere il proprio curriculum in sezioni che, dovrebbero occupare all’incirca una facciata di un foglio A4, e personalizzarlo in base alla posizione di lavoro per cui ci si propone.
In ogni caso, ricordatevi di allegare al vostro Resume anche una lettera di presentazione che gli australiani chiamano Cover Letter, dove presentate voi stessi, le vostre esperienze e anche le vostre aspirazioni.

Rivolgersi alle agenzie interinali

Le agenzie interinali sono probabilmente la prima strada percorsa da chi vuole lavorare in Australia. Oltre a fare da intermediari, le agenzie interinali possono essere utili anche per darvi tutta una serie di consigli sul mondo del lavoro in Australia, come ad esempio la scrittura del curriculum.

Contattare direttamente il datore di lavoro

Evitare gli intermediari è sempre un’ottima soluzione perchè dimostra un certo spirito d’iniziativa che a volte viene apprezzato. Oltre a presentarsi di persona dal datore di lavoro e consegnare il propro curriculum, esistono anche diversi motori di ricerca online dove potete trovare molte offerte di lavoro e selezionare le più interessanti.
Se preferite la seconda strada, anche solo per una ricerca, i siti più importanti per il lavoro in Australia sono careerone.com.au e seek.com.au.

Trovare casa
Anche se non è strettamente collegato al lavoro in Australia, trovare un alloggio è comunque fondamentale per chiunque voglia vivere in questo pase.
Il modo migliore e, secondo molti emigrati, più veloce per chi parte dall’Italia è di trovare alcune offerte prima di partire e alloggiare per i primi giorni in un ostello.
Se invece siete già in Australia allora potete direttamente contattare il proprietario della casa, quindi, fare la vostra proposta compilando l’apposito modulo e versare la prima settimana dell’affitto.

Immagini: Depositphotos

Leggi anche:
Lavorare in Belgio: regole per un primo approccio
Lavorare negli Usa: come realizzare il sogno americano in 5 mosse
Lavorare in Cina: ecco quello che serve
Lavorare in Spagna: tutto quello che serve sapere 
Informazioni utili per lavorare in Irlanda
Come lavorare in Svizzera: guida per i primi step da compiere

Requisiti necessari per lavorare a Malta
EURES: come funziona il portale per lavorare all’estero?
Disoccupazione record. Tirocini e opportunità per i giovani (all’estero)
Lavorare in un Paese extra Ue

Lavorare in Australia: la guida per chi vuole trasferirsi
Lavorare in Australia: la guida per chi vuole trasferirsi