Jobs Act, l’articolo 18 resta e vale anche per gli statali

I lavoratori statali dovrebbero rimanere esclusi dalle modifiche all'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori introdotte con la legge Fornero e il Jobs act

I lavoratori statali dovrebbero rimanere esclusi dalle modifiche all’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori introdotte con la legge Fornero e il Jobs act. Come riporta Ansa, nel decreto sul pubblico impiego in via di approvazione dovrebbe infatti essere inserita una clausola ad hoc, che espliciti l’esclusione per gli statali delle modifiche.

La posizione del ministro Marianna Madia su questo importante istituto dei diritti dei lavoratori è motivata, secondo quanto spiegato più volte da lei stessa, per il fatto che nel privato, se il lavoratore non viene reintegrato deve essere indennizzato e siccome i dipendenti pubblici sono pagati dai cittadini, un eventuale indennizzo avrebbe un costo oneroso per gli stessi cittadini.

Il governo dunque sta lavorando assiduamente al Testo unico, che riscrive le regole del pubblico impiego, e che deve uscire entro il mese di febbraio, altrimenti scade la delega.

Leggi anche:
Cassazione: “Per licenziamento statali si applica l’articolo 18, niente legge Fornero”
PA, pugno duro contro gli assenteisti: licenziamento in tronco entro due giorni
Licenziare ai tempi della crisi. Jobs act: cosa rimane dell’articolo 18

Jobs Act, l’articolo 18 resta e vale anche per gli statali
Jobs Act, l’articolo 18 resta e vale anche per gli statali