Jobs act, assunzioni: -7,4% nel 2016, le stabili crollano a-37,6%

I dati Inps relativi al settore privato

Calano, nel 2016, i nuovi rapporti di lavoro nel settore privato, in particolare quelli a tempo indeterminato. Lo ha reso noto l’Inps.

Complessivamente le assunzioni, sempre riferite ai soli datori di lavoro privati, nel periodo gennaio-dicembre 2016 sono risultate 5.804.000, con una riduzione di 464.000 unità rispetto al corrispondente periodo del 2015 (-7,4%). Nel complesso delle assunzioni sono comprese anche le assunzioni stagionali (565.000).

Il rallentamento delle assunzioni ha riguardato principalmente i contratti a tempo indeterminato: -763.000, pari a -37,6% rispetto al 2015.

Questa riduzione, secondo l’Istituto, va collegata “al forte incremento delle assunzioni a tempo indeterminato registrato nel 2015, anno in cui dette assunzioni potevano beneficiare dell’abbattimento integrale dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro per un periodo di tre anni”.

Come molti sospettavano, dunque, finiti gli incentivi è finito il vantaggio ad assumere a tempo indeterminato. Un motivo in più per sostenere che il lavoro non si crea per legge, ma con visione ed investimenti.

Leggi anche:
Panasonic chiede ai suoi dipendenti di lavorare di meno
Il 2017 sarà l’anno del lavoro agile
Smartworking, in l’Italia non decolla: è ultima in Europa
Assunzioni Amazon: 700 posti di lavoro nella nuova sede
Lavoro: cinque regole per non cadere negli annunci trappola

Jobs act, assunzioni: -7,4% nel 2016, le stabili crollano a-37,6%
Jobs act, assunzioni: -7,4% nel 2016, le stabili crollano a-37,6%