Istruzione, Italia agli ultimi posti in UE per la spesa nella formazione dei giovani

(Teleborsa) – L’Italia spende molto poco in istruzione, questo già si sa, ma numeri alla mano lo stato di degrado della formazione dei suoi abitanti è sorprendente.  

I numeri sono stati forniti da Eurostat, in un report sulla spesa destinata all’istruzione (edication), che mette a paragone i vari Stati dell’Unione Europea. Dal report emerge che in Europa si spendono in media 716 miliardi di euro per l’istruzione/formazione dei suoi cittadini, pari al 4,9% del PIL. 

L’Italia è ben lontana da questo livello ed investe appena il 4% del PIL. E questo non è il dato più sconfortante, perché confrontando la situazione con gli altri Paesi UE, emerge che il Belpaese è anche terzultimo quanto a spesa assieme alla Bulgaria e appena sopra l’Irlanda e la Romania.

Anche la Spagna non è molto lontana con un 4,1%, mentre la Grecia spende il 4,3% del PIL e la Germania il 4,2%. Fra i Paesi che spendono di più per la formazione dei giovani si classificano Danimaca  (7%), Svezia (6,5%), Belgio (6,4%) e Finlandia (6,2%).

Istruzione, Italia agli ultimi posti in UE per la spesa nella formazione dei giovani
Istruzione, Italia agli ultimi posti in UE per la spesa nella formazio...