Un’intelligenza artificiale ti controllerà sul posto di lavoro

Alcune aziende stanno introducendo l'intelligenza artificiale per monitorare l'operato dei dipendenti sul posto di lavoro

Un’intelligenza artificiale ti controllerà sul posto di lavoro? L’intelligenza artificiale può aiutare a lavorare e addirittura a trovare lavoro, ma nel futuro potrebbe essere utilizzata per monitorare i dipendenti. A rivelarlo “New Scientist”, che ha svelato come la StatusToday, una ditta di Londra, abbia recentemente inserito un circuito di sicurezza gestito dall’agenzia di intelligence GCHQ del Regno Unito. L’AI della società utilizza i metadati individuati sul posto di lavoro (come i file di accesso e i badge per sbloccare le porte) per individuare i comportamenti anomali dei dipendenti. Se improvvisamente si iniziano a scaricare troppi dati, oppure il badge viene utilizzato troppo spesso, l’intelligenza artificiale può avvisare l’azienda e chiedere cosa stia accadendo.

Per GCHQ, questo sistema è particolarmente utile per le aziende che temono fughe di notizie e vogliono tenere segrete alcune informazioni. Può essere anche utilizzato da organizzazioni di ogni tipo, preoccupate che i loro ex dipendenti possano appropriarsi di dati sensibili dopo aver abbandonato il loro posto di lavoro. Tuttavia questo sistema pone anche seri problemi di privacy, soprattutto dal momento che può anche essere utilizzato per monitorare la produttività. Questo sistema di gestione delle informazioni infatti consente, fra l’altro, di scoprire se un dipendente ha visitato un collega in un altro reparto o, ad esempio, se ha rallentato il lavoro e non sta seguendo il suo solito schema.

In questo caso la questione principale è rappresentata dal permesso che viene accordato dai dipendenti all’azienda riguardo l’uso dell’intelligenza artificiale. Sei d’accordo all’idea di essere monitorato sul posto di lavoro? Una cosa infatti è se il tuo lavoro viene controllato, un’altra se il tuo datore di lavoro decide di curiosare su ciò che fanno i dipendenti senza dire nulla. Il monitoraggio sul posto di lavoro da questo punto di vista può essere utile, ma può, ovviamente anche dare luogo ad abusi e violazioni della privacy. Dov’è dunque il confine fra lecito e non lecito in questo caso?

Un’intelligenza artificiale ti controllerà sul posto di lavoro
Un’intelligenza artificiale ti controllerà sul posto di la...