Filt-Cgil: NO a spostamento merci aeree da Orio a Malpensa

(Teleborsa) – L’ipotesi di spostare da Orio al Serio a Malpensa i voli dei vettori courier, ventilata nella seduta di consiglio comunale di lunedì 2 ottobre, non piace al segretario generale della Filt Cgil, Marco Sala.

La proposta, che il Comune di Bergamo starebbe per avanzare per limitare i voli notturni, è avversata dal sindacato che sottolinea l’importanza del comparto delle merci aeree sullo scalo bergamasco, che dà lavoro a oltre 800 persone, cioè 500 lavoratori diretti Dhl, più 120 lavoratori indiretti di cooperative, più 140 dipendenti Ups e 60 indiretti ad essa collegati.

Impensabile, secondo Sala, costringere i lavoratori a percorrere 180 km tra andata e ritorno dopo 8 ore di lavoro, distanza tra Orio al Serio e Malpensa che dovrebbero affrontare anche il 60% dei dipendenti Dhl che lavora part time per 4 ore al giorno.

Il segretario generale della Filt Cgil contesta l’impatto attribuito ai voli courier, riferendosi al dato dei movimenti giornalieri del mese di luglio, con 20 riguardanti i cargo, di cui solo la metà notturni, sul totale di 165.

Filt-Cgil: NO a spostamento merci aeree da Orio a Malpensa
Filt-Cgil: NO a spostamento merci aeree da Orio a Malpensa