Contributi volontari per la pensione: quanto e come versarli

Beneficiari, domanda, pagamenti, aliquote e minimali 2017

Dallo scorso 26 aprile anche i contributi volontari per la pensione possono essere pagati in tabaccheria (Convenzione Reti Amiche tra INPS e Poste Italiane, Unicredit e Lottomatica), così come già di alcune tipologie di contributi (lavori domestici, riscatti, ricongiunzione, rendite). E’ sufficiente il codice fiscale e il codice prosecutore (rilasciato dall’istituto previdenziale a chi è autorizzato alla contribuzione volontaria). Il sito delle piccole-medie imprese pmi.it ha messo in ordine tutte le modalità di pagamento, i requisiti necessari ed i calcoli.

Ecco le altre modalità di versamento:

  • MAV inviato dall’INPS per posta o generato dall’utente: il bollettino può essere visualizzato, modificato, stampato e pagato in un qualsiasi istituto di credito senza commissioni oppure presso gli uffici postali con l’applicazione della commissione di versamento.
  • Online con “Pagamento immediato pagoPA”: tramite carta di credito, di debito o prepagata oppure mediante addebito in conto.
  • Avviso di pagamento pagoPA, presso qualsiasi Prestatore di Servizi di Pagamento (PSP) aderente al circuito pagoPA.

I contributi volontari sono uno strumento attivabile da lavoratori che hanno interrotto o cessato l’attività lavorativa per raggiungere i requisiti per la pensione (di vecchiaia, anticipata, invalidità, inabilità, pensioni indirette). Possono anche servire a incrementare i contributi per i lavoratori part-time, oppure i versamenti per attività lavorativa svolta nel settore agricolo con iscrizione per meno di 270 giornate complessive di contribuzione effettiva e figurativa nel corso dell’anno. Possono accedere dipendenti, parasubordinati, liberi professionisti, lavoratori dei fondi speciali di previdenza, titolari di assegno di invalidità o pensione indiretta.

I requisiti: aver versato almeno cinque anni di contributi, oppure almeno tre anni negli ultimi cinque anni. Valgono anche alcune tipologie di contributi figurativi (cassa integrazione, aspettativa) e contributi da riscatto, trasferimento, congiunzione. Bisogna presentare domanda all’INPS, attraverso il servizio online dedicato, oppure tramite intermediario, o ancora chiamando il contact center (803164 gratuito da rete fissa, oppure 06 164 164 da rete mobile). Il versamento dei contributi volontari si effettua trimestralmente, entro il trimestre successivo a quello di riferimento. I periodi arretrati vanno versati entro il trimestre successivo a quello di accoglimento della domanda. Attenzione: i versamenti effettuati in ritardi sono considerati nulli, e sono rimborsabili.

L’importo dei contributi volontari viene calcolato in modo diverso per lavoratori dipendenti e autonomi.

Nel primo caso (dipendenti), il calcolo è effettuato sulla base delle ultime 52 settimane di contribuzione obbligatoria (anche se non collocate temporalmente nell’anno immediatamente precedente la data di presentazione della domanda). L’aliquota è pari al 33%. Considerando che l’importo minimo della retribuzione settimanale è pari a 200,76 euro, il contributo minimo settimanale è di 66,25 euro. Significa che l’importo minimo dei contributi volontari è pari a 3mila445 euro all’anno. Se la decorrenza è antecedente al 1995, l’aliquota è pari al 27,87%.

Per gli autonomi, l’importo del contributo è mensile e viene calcolato sulla media dei redditi da impresa denunciati ai fini IRPEF negli ultimi 36 mesi di contribuzione precedenti la data della domanda. Infine, per i coltivatori diretti, l’importo è settimanale e viene calcolato sulla base della media dei redditi degli ultimi tre anni di lavoro. Non può essere inferiore a quello previsto per i lavoratori dipendenti. Le aliquote cambiano invece a seconda delle diverse categorie. I collaboratori iscritti alla gestione separata pagano il 32% (minimo mensile, 414,62 euro) i titolari di partita IVA il 25% (minimo mensile, 323,92 euro).

Leggi anche:
Pensione, Ape social bloccata dal Consiglio di Stato. Spunta la proroga
In pensione sempre più tardi: dal 2019 ci si va a 67 anni
Pensioni: riscatto laurea gratis per i giovani
I requisiti per la pensione dal 2017 in poi
Pensione anticipata, APe volontaria: nuove regole e costi
Pensioni, a luglio arriva la quattordicesima: vale fino a 665 euro
Pensione anticipata: cosa conviene nel 2017

Contributi volontari per la pensione: quanto e come versarli
Contributi volontari per la pensione: quanto e come versarli