Colf e badanti, dal 1° aprile gli adempimenti per l’assunzione saranno online

Le comunicazioni obbligatorie potranno essere eseguite online o al telefono. La rivoluzione digitale dell’Inps prosegue

L’Inps – dopo la pubblicazione del nuovo sito, ricco di funzioni online per i cittadini – prosegue la sua rivoluzione digitale. Dal 1° aprile è il turno di colf e bandati. L’istituto previdenziale ha reso più semplici le procedure per assumere, modificare o chiudere il rapporto di lavoro domestico: le cosiddette “comunicazioni obbligatorie”. Si potrà fare tutto su internet oppure al telefono, chiamando il numero verde 803 164 o attraverso gli intermediari dell’istituto.

Una novità che segue altre innovazioni. Per esempio dal 1° marzo si possono compilare e spedire via web anche le domande per ottenere le cure termali, mentre dall’inizio del 2011 è possibile chiedere la disoccupazione ordinaria.
Peraltro a novembre l’istituto previdenziale ha completamente rinnovato il sito. Con importanti innovazioni. Come la sezione “Come fare per“, in cui sono disponibili le informazioni relative ad alcuni degli argomenti di maggior interesse, per esempio: le notizie e i servizi correlati riguardanti i buoni lavoro, il riscatto della laurea, il versamento dei contributi volontari e la gestione dei rapporti di lavoro domestico.

Dunque dal primo aprile 2011 chi assume un collaboratore domestico, proroga il suo contratto o lo licenzia, potrà comunicarlo all’Inps dal computer. Dalla sezione “servizi online” sul sito Inps bisogna fare questo percorso:
al servizio del cittadino >>> autenticazione con Pin/autenticazione con Cns >>> Servizi di rapporto di lavoro domestici >>> Iscrizione rapporto di lavoro/Variazione rapporto.

La procedura online non cambia, però, i termini di presentazione che per legge sono sempre gli stessi. Ovvero: per la comunicazione di assunzione, entro le ore 24 del giorno antecedente l’inizio del rapporto di lavoro; per la comunicazione di trasformazione, proroga e cessazione, entro 5 giorni dall’evento.
Chi assume, cambia il tipo di contratto o licenzia un lavoratore domestico senza comunicarlo all’Inps rischia una sanzione amministrativa da 100 a 500 euro a lavoratore.

Le stesse informazioni possono essere comunicate anche al telefono, per chi non dispone di un collegamento a internet o non sa utilizzare il computer. Il numero è l’803 164. Come prima cosa il datore di lavoro deve identificarsi con un Pin e un codice fiscale.
Fino al 30 settembre 2011, per tutti quelli che ancora non hanno ricevuto il proprio Pin, verrà accettato anche il solo codice fiscale, ma nel corso della telefonata l’operatore dovrà far partire la procedura per assegnare il numero segreto. Dal 1° ottobre, infatti, il possesso del Pin sarà obbligatorio.

I contributi potranno essere pagati tramite il circuito reti amiche, ovvero le tabaccherie abilitate. E’ possibile pure il pagamento online sul sito dell’Inps. Infine al numero verde, comunicando all’operatore i dati della carta di credito o con il bollettino Mav.

Colf e badanti, dal 1° aprile gli adempimenti per l’assunzione saranno online
Colf e badanti, dal 1° aprile gli adempimenti per l’assunzione sara...