Per quanto tempo vanno conservati i documenti? La guida

Dopo quanto tempo non si è più tenuti a dimostrare nulla?

La Legge per TuttiAnche se siamo entrati nell’era digitale, la carta non ci lascia tregua. Le nostre case sono piene di documenti, scontrini, ricevute e via di seguito, di cui non possiamo liberarci. Almeno non subito: c’è un tempo di conservazione minimo, un periodo entro il quale l’autorità di riferimento può richiederle come giustificativo o l’utente può utilizzarle per contestare eventuali errori.

Documenti da conservare: quali e per quanto

Ma fino a quanto vanno conservate i documenti o ricevute? O una parcella del dentista detratta dalle tasse? E la ricevuta del bollettino postale per il pagamento di una multa?

SCADENZE
Per non correre il rischio di dover pagare due volte per la stessa cosa perché abbiamo buttato via la ricevuta troppo presto, bisogna sapere quando il credito cade in prescrizione. I termini di prescrizione sono fissati per legge e variano a seconda del tipo di documento:

  • ricevute/scontrini ristoranti/alberghi: 6 mesi;
  • scontrini fiscali: solitamente 2 anni o quanto prevede la garanzia del prodotto acquistato;
  • fatture fornitori: 3 anni;
  • fatture di avvocato, commercialista o altri professionisti: 3 anni;
  • pagamento bollo auto: 3 anni;
  • tassa nettezza urbana (Tarsu/Tia/Tari): 5 anni;
  • dichiarazione dei redditi (730, Cud, ecc): 5 anni;
  • ricevute pagamento di imposte: 5 anni;
  • bollette relative alle utenze domestiche (gas, luce, acqua): 5 anni;
  • ricevute di affitto: 5 anni;
  • ricevute spese condominiali: 5 anni;
  • pagamento multe/contravvenzioni: 5 anni;
  • bollette telefonia: 10 anni;
  • pagamento del canone Rai: 10 anni.

QUALI DOCUMENTI CONSERVARE
La conservazione dei documenti è una questione di notevole importanza perché se si seguono le giuste regole si eviteranno spiacevoli equivoci e fraintendimenti; capita spesso infatti che vengano richiesti determinati documenti per mandare avanti una certa pratica oppure ci vengano sollecitati pagamenti che siamo certi di aver effettuato.

Ci sono anche dei documenti da conservare per sempre e che per la loro importanza e la loro utilità è spesso utile conservare anche in copia, eco una lista di quelli che più comunemente potremo trovare nei nostri cassetti:

  • Atti notarili
  • Rogiti
  • Atti di matrimonio
  • Atti di separazione
  • Atti di divorzio
  • Attestati
  • Diplomi

Per conoscere i tempi di esigibilità da parte del Fisco dei vari documenti portati in detrazione, consultare in particolare Detrazioni edilizie, energetiche, arredi: quali documenti conservare?

Leggi anche:
Le tasse che non potremo più pagare in contanti
Gli aumenti IVA previsti nel triennio 2018–2020
Aumento IVA al 25%? Ecco quanto ci verrebbe a costare
Iva al 25% nel 2018: la pesante eredità di Renzi
Legge di Bilancio 2017: tutti i numeri della manovra
Equitalia addio, che fine faranno i debiti pendenti da luglio
Fisco: da Equitalia a Equientrate, cosa cambia per il contribuente
Fisco, il vademecum per annullare le cartelle Equitalia

Per quanto tempo vanno conservati i documenti? La guida
Per quanto tempo vanno conservati i documenti? La guida