Tassa rifiuti: si va verso nuove regole

È illegittimo il regolamento comunale che fissa tariffe più alte per le utenze domestiche dei non residenti

La sentenza n. 4223/2017 del Consiglio di Stato dichiara illegittimo il rincaro della tassa sui rifiuti per i cittadini che non risiedono nel Comune.

Più in particolare – spiega il sito delle piccole-media imprese pmi.it – il caso esaminato riguardava il Comune di Jesolo e, secondo il Consiglio di Stato: Un Comune non può “determinare le aliquote in libertà, generando irragionevoli o immotivate disparità tra categorie di superfici tassabili potenzialmente omogenee, giustificandole con argomenti estranei a tale specifico contesto. La discrezionalità dell’ente territoriale nell’assumere le determinazioni al riguardo – in particolare, nello stimare in astratto la capacità media di produzione di rifiuti cui la norma fa riferimento per tipologie – ha natura eminentemente tecnica, non politica. Come tale, si deve basare su una stima realistica in ragione della caratteristiche proprie di quel territorio comunale e se del caso della sua vocazione turistica: deve insomma concretamente rispettare, nell’esercizio di siffatta discrezionalità tecnica, il fondamentale e immanente principio di proporzionalità, incluse adeguatezza e necessarietà. Per modo che non ne risultino incongruenze o disparità medie nell’applicazione di questo particolare prelievo dalla eloquente connotazione di tassa: che la legge evidentemente vuole per categorie corrispondente alla realistica esigenza di approntamento del servizio riferita a quel territorio”.

Per questo motivo, applicando il principio di proporzionalità, non è possibile prevedere delle maggiorazioni fisse per i non residenti. I giudici spiegano infatti: “Mentre le ordinarie abitazioni civili dei residenti sono usualmente abitate nel corso dell’anno, le case utilizzate solo per le vacanze hanno una presenza antropica discontinua: la quale comporta, di conseguenza, una produzione media annua di rifiuti tendenzialmente inferiore rispetto alle prime. Il rammentato principio di proporzionalità, cui si deve conformare la discrezionalità tecnica amministrativa nell’individuazione delle aliquote fiscali, porta quindi a ritenere non legittimo un criterio di determinazione che risulti, all’atto pratico e a priori, più gravoso per le abitazioni dei non residenti rispetto a quelle di coloro che dimorano abitualmente nel Comune in questione”.

Leggi anche:
Tasse universitarie, come funzionano i tagli e chi può essere esonerato
Studi di settore addio, arrivano le pagelle fiscali
Affitti brevi: da ottobre la tassa Airbnb
Ue, in arrivo la web tax: stretta contro Google e Amazon
Quali sono le spese che attirano le attenzioni del Fisco
Controlli: il Fisco molla la presa sui conti correnti

Tassa rifiuti: si va verso nuove regole
Tassa rifiuti: si va verso nuove regole