Zona Euro, economia in espansione al tasso più rapido da maggio 2011

(Teleborsa) – A fine 2016, l’Eurozona mantiene un robusto tasso di espansione. La crescita della produzione è accelerata al record su 67 mesi, concludendo il miglior trimestre dell’anno. Tuttavia, la pressione sui prezzi ha continuato ad aumentare, con un’inflazione in crescita sia sui prezzi d’acquisto che di vendita. L’Indice Markit PMI della Produzione Composita nell’Eurozona finale di dicembre si è posizionato su 54,4, in aumento da 53,9 di novembre, indicando un tasso di espansione più rapido rispetto alla precedente stima flash.

Il settore manifatturiero ha guidato tale trend al rialzo, con un incremento della produzione al tasso più rapido da aprile 2014. Anche il settore terziario ha segnato una forte crescita, restando su valori simili al record su 11 mesi di novembre.

Nei quattro paesi principali è stata rilevata un’espansione economica, con il ritmo più rapido toccato in Spagna (record su sei mesi) seguito da vicino dalla Germania (record su cinque mesi). In Francia si è toccato un valore record di accelerazione della crescita in un anno e mezzo, rimanendo tuttavia inferiore alla media dell’Eurozona. L’Italia è stata l’unica delle nazioni principali a misurare un incremento più lento.

A dicembre si assiste ad una ulteriore solida crescita dell’attività terziaria dell’Eurozona, con l’Indice Markit PMI dell’Attività Terziaria dell’Eurozona finale a 53,7, solo leggermente inferiore al record su 11 mesi di novembre di 53,8 e superiore alla precedente stima flash di 53,1.

Spagna e Germania hanno indicato i tassi di espansione più rapidi, sebbene entrambi i paesi abbiano registrato una crescita della produzione moderata rispetto ai risultati di novembre. Anche in Italia il ritmo di incremento è rallentato. La Francia è stata l’unica tra le quattro nazioni principali a contraddire il trend di crescita più lento, registrando un tasso record di crescita dell’attività da settembre. Anche se ciò ha portato il livello della Francia al di sopra dell’Italia nella classifica della produzione, il parametro resta inferiore alla Germania e alla Spagna. 

Chris Williamson, Chief Business Economist presso IHS Markit ha detto: “I dati finali PMI segnalano una chiusura del 2016 persino più forte di quanto prospettato dalla precedente stima flash, sebbene resta incerto se ciò fornirà la tanto agognata spinta per far decollare la ripresa dell’Eurozona nel 2017. Molto dipende dagli eventi politici nel corso del prossimo anno.”

Zona Euro, economia in espansione al tasso più rapido da maggio 2011
Zona Euro, economia in espansione al tasso più rapido da maggio ...