Wall Street storna dopo tre sedute in rally

(Teleborsa) – La borsa di Wall Street tira il fiato dopo tre sedute al rialzo sostenute dalla convinzione che la Federal Reserve non alzerà i tassi, nel breve termine. Il ribasso di questa seduta non pregiudicherà la buona performance degli indici statunitensi che si avviano a chiudere l’ottava con il segno positivo.

Superato, per ora, l’ostacolo Fed, l’interesse degli operatori si sposta alle presidenziali negli Stati Uniti e, in particolare al primo dibattito televisivo che ci sarà la prossima settimana. Per ora tutto tranquillo, ma il nervosismo si farà sentire nelle sale operative man mano che si avvicinerà il voto, in calendario l’8 novembre. 

Il Dow Jones si muove sotto la parità e scende a 18.307 punti, con uno scarto percentuale dello 0,46%. Sulla stessa linea, in lieve calo l’indice S&P-500, a 2.169 punti. In frazionale ribasso il Nasdaq 100 (-0,33%), come l’S&P 100 (-0,3%).

Nel pomeriggio è stato diffuso un aggiornamento sul settore manifatturiero, che ha confermato l’andamento altalenante che vige ormai da inizio 2016.

Forte nervosismo e perdite generalizzate nell’S&P 500 su tutti i settori, senza esclusione alcuna. In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si sono manifestati nei comparti Energia (-1,53%), Finanziario (-0,61%) e Industriale (-0,55%).

La sola Blue Chip del Dow Jones in sostanziale aumento è Verizon Communication (+0,56%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Goldman Sachs, -1,51%.

Tra le società, scivola Yahoo! (-2,79%) vittima di un attacco da parte di hacker. Sono stati violati gli account di 500 milioni di utenti. Le voci di un imminente vendita fanno volare il titolo Twitter (+18,63%).

Wall Street storna dopo tre sedute in rally
Wall Street storna dopo tre sedute in rally