Wall Street si conferma negativa

(Teleborsa) – La borsa americana continua la seduta in territorio negativo, con gli investitori che sembrano non aver preso troppo bene la possibilità di un rialzo dei tassi da parte della Fed, alla luce della divisione tra i membri del Board nella riunione di settembre che lascia aperto uno spiraglio per dei cambiamenti entro la fine dell’anno. 

Da segnalare poi il deludente dato cinese sulla bilancia commerciale che sta influenzando negativamente i mercati del Vecchio continente.

Dal fronte macro segnali positivi sono giunti dai prezzi import-export USA mentre le richieste di sussidio alla disoccupazione sono rimaste stabili, risultando sotto le attese del mercato.

Il listino USA continua la seduta poco sotto la parità, con il Dow Jones che lima lo 0,41%; sulla stessa linea l’indice S&P-500, che perde lo 0,42%, scambiando a 2.130 punti. In lieve ribasso il Nasdaq 100 (-0,48%), come l’S&P 100 (-0,4%).

Nell’S&P 500, buona la performance del comparto Utilities. Male i settori Finanziario (-1,45%), Materiali (-0,93%) e Information Technology (-0,70%).

Tra i protagonisti del Dow Jones, Wal-Mart (+1,45%), Merck (+0,85%) e McDonald’s (+0,65%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Du Pont de Nemours, che prosegue le contrattazioni con un -1,64%. Calo deciso per Goldman Sachs, che segna un -1,73%. Sotto pressione JP Morgan, con un forte ribasso dell’1,14%. Soffre Pfizer, che evidenzia una perdita dell’1,10%.

Sul Nyse pesante Wells Fargo -1,90% dopo le dimissioni del CEO.

Wall Street si conferma negativa
Wall Street si conferma negativa