Wall Street in cauto rialzo dopo inflazione e conti banche

(Teleborsa) – Gli indici di Wall Street proseguono in cauto rialzo, sostenuti da indicatori macroeconomici confortanti, ma frenati dai risultati trimestrali di alcune banche, come Citigroup, Wells Fargo, JP Morgan.

Molti gli spunti anche dal versante macroeconomico. Prima dell’avvio del mercato, è stato diffuso il dato sull’inflazione statunitense che si conferma debole. Su base annuale, la statistica è in aumento dell’1,6%, sotto il valore considerato ottimale dalla Federal Reserve (2%). Deludenti anche le vendite al dettaglio mentre segnali positivi sono giunti dalla produzione industriale, cresciuta più delle attese. E’ scesa inaspettatamente, poi, la fiducia dei consumatori elaborata dall’Università del Michigan. 

Tra gli indici statunitensi, il Dow Jones mostra un frazionale rialzo dello 0,33%; sulla stessa linea, piccolo scatto in avanti per lo S&P-500, che arriva a 2.456,93 punti. In moderato rialzo il Nasdaq 100 (+0,53%), come l’S&P 100 (0,3%).

Si distinguono nel paniere S&P 500 i settori Utilities (+0,70%), Information Technology (+0,69%) e Beni di consumo primario (+0,68%). In fondo alla classifica, sensibili ribassi si manifestano nel comparto Finanziario, che riporta una flessione di -0,62%.

Al top tra i giganti di Wall Street, Wal-Mart (+1,88%) grazie a un upgrade, Microsoft (+1,46%), Visa (+0,98%) e Boeing (+0,96%) premiata da JP Morgan. Le più forti vendite, invece, si manifestano su JP Morgan, -1,08%, dopo la trimestrale.
Goldman Sachs avanza dell’1,44%. Fiacca Home Depot, che mostra un piccolo decremento dello 0,54%.

Wall Street in cauto rialzo dopo inflazione e conti banche
Wall Street in cauto rialzo dopo inflazione e conti banche