Wall Street guarda alla Fed e riflette sui dati macro

(Teleborsa) – Prima seduta della settimana interlocutoria per la borsa di Wall Street in una ottava ricca di spunti economici mentre è entrata nel vivo la stagione delle trimestrali.

Sul sentiment degli investitori prevale la prudenza dopo la revisione al ribasso delle stime di crescita degli Stati Uniti, per il 2017 e il 2018, da parte del Fondo monetario internazionale (FMI). Gli addetti ai lavori, rimangono in attesa del meeting di due giorni della Fed che inizierà domani, 25 Luglio. 

Attenzione, poi, ai titoli del petrolio, in vista della riunione odierna in Russia tra i produttori per discutere dell’accordo sul taglio alla produzione.

Tra gli indici statunitensi, il Dow Jones si attesta sui valori della vigilia a 21.580,07 punti; sulla stessa linea, incolore lo S&P-500, che archivia la seduta a 2.469,72 punti, sui livelli della vigilia. Pressoché invariato il Nasdaq 100 (+0,16%), come l’S&P 100 (-0,1%).

In discesa a Wall Street tutti i comparti dell’S&P 500. Nel listino, le peggiori performance sono state quelle dei settori Utilities (-0,92%) e Telecomunicazioni (-0,71%).

Tra i protagonisti del Dow Jones, Caterpillar (+1,24%), Apple (+1,13%), Wal-Mart (+1,12%) e Travelers Company (+0,67%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Nike, -1,83%. Johnson & Johnson scende dell’1,71%. Calo deciso per General Electric, che segna un -1,65%. Sotto pressione Home Depot, con un forte ribasso dell’1,02%.

Wall Street guarda alla Fed e riflette sui dati macro
Wall Street guarda alla Fed e riflette sui dati macro