Scuola, l’identikit del docente in Italia: malpagato e ad alto rischio di incorrere in malattie professionali

(Teleborsa) – Chi fa l’insegnante guadagna poco, ma accumula tanto stress da contrarre con frequenza diversi tipi di patologie psichiatriche. 

Secondo la Fpa, società del gruppo Digital360, i docenti sono indiscutibilmente i lavoratori della pubblica amministrazione tra i meno pagati in assoluto: i più ricchi – riassume Orizzonte Scuola – sono i magistrati, seguiti dai prefetti, alla penultima posizione troviamo i docenti con una media di 29 mila euro di stipendio, seguiti dai dipendenti delle Autonomie locali.

Un altro studio, commissionato dall’ente previdenziale Inpdap, ha operato un confronto tra quattro macro categorie professionali di dipendenti dell’Amministrazione Pubblica, coinvolgendo 3 mila casi gestiti dalla Asl di Milano: insegnanti, impiegati, personale sanitario, operatori, partendo dall’analisi degli accertamenti sanitari per l’inabilità al lavoro.

Quello che è emerso, in modo netto, è “che gli insegnanti sono maggiormente esposti a disturbi da sindrome di Burnout”.

“Tutto il personale scolastico, quindi Ata e presidi compresi, è sottoposto a una mole di responsabilità imparagonabile ad altre occupazioni – sostiene Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – e la riprova sono proprio le indagini sulle malattie professionali. Perché i risultati conducono sempre verso il medesimo risultato? La risposta è evidente: chi lavora a scuola si fa carico di problematiche di giovani in crescita, particolarmente bisognosi di essere ascoltati, aiutati, formati. Solo che queste azioni quotidiane logorano e con il tempo si paga lo sforzo profuso attraverso, purtroppo, l’insorgenza di vere e proprie patologie”.

Scuola, l’identikit del docente in Italia: malpagato e ad alto rischio di incorrere in malattie professionali
Scuola, l’identikit del docente in Italia: malpagato e ad alto r...