Saipem, conti in calo nel primo trimestre

(Teleborsa) – Saipem ha chiuso il primo trimestre con conti in calo.

Il risultato netto è pari a 47 milioni di euro  contro i 61 milioni del primo trimestre del 2016. I ricavi pari a 2.263 milioni di euro scendono rispetto ai 2.840 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente.

L’EBITDA adjusted è di 256 milioni di euro contro i 314 milioni del primo trimestre 2016. Il risultato operativo (EBIT) adjusted di ferma a 122 milioni di euro (142 milioni di euro nello stesso periodo dello scorso anno). Il risultato netto adjusted è di 54 milioni di euro contro i 61 milioni precedenti.

Aumenta il debito netto che al 31 marzo è pari a 1.605 milioni di euro  contro i 1.450 milioni di euro al 31 dicembre 2016. Il Portafoglio ordini residuo è di 12,465 miliardi di euro, mentre i l’acquisizione nuovi ordini è di 509 milioni di euro.

Dopo i conti del primo trimestre, Saipem conferma gli obiettivi per il 2017. In particolare, ricavi intorno a 10 miliardi, L’EBITDA a un miliardo di euro e l’utile netto superiore a 200 milioni, (inclusivo di circa 30 milioni di oneri di organizzazione). Gli investimenti tecnici per circa 400 milioni e debito netto in area 1,4 miliardi.

“Nel primo trimestre del 2017 Saipem ha espresso una performance solida, nonostante il perdurare di un contesto di mercato difficile”, questo il commento di Stefano Cao, Amministratore delegato del Gruppo che ha aggiunto:”Continuiamo a potenziare il business e a fare in modo che Saipem sia nella posizione migliore per cogliere le opportunità del futuro. Abbiamo rafforzato la struttura finanziaria, e la nuova struttura organizzativa sarà pienamente operativa nel secondo trimestre. Le condizioni sono sfidanti, ma la nostra azienda e sulla buona strada”, ha concluso il manager.

 

 

Saipem, conti in calo nel primo trimestre
Saipem, conti in calo nel primo trimestre