Regno Unito, la disoccupazione è stabile dopo la Brexit

(Teleborsa) – Disoccupazione sostanzialmente stabile a luglio in Gran Bretagna, anche dopo la Brexit, che non ha rallentato il ritmo di creazione di posti di lavoro. 

Nel mese di luglio il numero dei senza lavoro che hanno chiesto un sussidio di disoccupazione è salito in Gran Bretagna di 2.400 unità, rispetto alle 3.600 riviste del mese precedente. Il dato pubblicato dall’Office for National Statistics (ONS) è peggiore delle attese degli analisti che stimavano un incremento di 1.800 unità.

Tuttavia, il tasso di disoccupazione è rimasto fermo al 4,9% nei tre mesi a luglio come atteso. Si tratta del livello più basso da agosto-ottobre 2005.

Nei tre mesi a luglio, il totale dei disoccupati è risultato essere pari a 1,63 mln di unità (-39 mila rispetto al trimestre precedente e -190 mila rispetto allo stesso trimestre del 2015).

Nello stesso periodo il numero degli occupati si è attestato a 31,77 mln di unità, salendo di 174 mila unità su trimestre e di 559 mila unità su anno.

Infine, il tasso di crescita dei salari medi (esclusi i bonus) ha mostrato una variazione positiva del 2,1%, dal 2,3% del trimestre precedente e cpntro il 2,2% atteso. Includendo i bonus si è registrato invece un incremento del 2,3%, rispetto al 2,5% precedente ed al 2,1% del consensus.

Regno Unito, la disoccupazione è stabile dopo la Brexit