Poste Italiane, utile netto in calo e ricavi in salita nel semestre

(Teleborsa) – Poste Italiane  chiude i primi sei mesi dell’anno con un utile netto pari a 510 milioni è in calo rispetto ai 565 milioni dello stesso periodo del 2016. Il risultato risente dei maggiori oneri finanziari relativi alla svalutazione, per 82 milioni di euro, prima dell’effetto fiscale, delle Contingent Convertible Notes sottoscritte nel dicembre 2014 da Poste Italiane ed emesse da Midco SpA, società che detiene il 51% della Alitalia SAI.

Nello stesso periodo, i ricavi totali del Gruppo, inclusivi dei premi assicurativi, hanno segnato una crescita del 2% rispetto allo stesso periodo del precedente esercizio e si attestano a 18 miliardi. Il comparto Assicurativo e del Risparmio Gestito, in un contesto di mercato caratterizzato da una forte contrazione della raccolta assicurativa, ha contribuito con 13,3 miliardi di ricavi totali, in aumento del 3,3%. Stabile il comparto Finanziario che ha registrato ricavi per 2,8 miliardi (+0,4%) e in flessione quello dei Servizi Postali e Commerciali con ricavi pari a 1.812 milioni (-3,8%), penalizzato dalla fisiologica riduzione dei volumi sulla corrispondenza. In crescita i ricavi del comparto Corriere Espresso, Logistica e Pacchi, pari a 342 milioni, che hanno registrato un aumento del 8,9% rispetto allo stesso periodo del precedente esercizio.

Il risultato operativo registrato nella prima metà dell’anno, pari a 847 milioni, è sostanzialmente in linea con quello del primo semestre 2016 (843 milioni). 

La posizione finanziaria netta del Gruppo presenta un avanzo di 4,3 miliardi rispetto ai 6,2 miliardi al 31 dicembre 2016.

Gli investimenti industriali del periodo, al lordo delle dismissioni, sono pari a 182 milioni e sono correlati principalmente all’informatizzazione delle reti di telecomunicazione, nonché ad ammodernamenti e ristrutturazioni immobiliari.

Per quanto riguarda le previsioni, il Gruppo fa sapere che, nel corso del secondo semestre del 2017 Poste saranno impegnate nella definizione di un nuovo Piano Industriale atto a consentire un’ulteriore ed equilibrata crescita del business, nonché a continuare a percorrere il sentiero evolutivo nel processo di innovazione del Paese con particolare attenzione ai servizi per la Pubblica Amministrazione.

Nel settore Logistico-Postale il Gruppo proseguirà nel processo di ristrutturazione del comparto, già avviato negli ultimi anni, attraverso l’impiego di nuove tecnologie di automazione a supporto dei processi produttivi. L’obiettivo sarà quello di aumentare efficienza e qualità dei servizi postali attraverso l’evoluzione sinergica del network logistico-produttivo e valorizzando tutti gli asset disponibili; nonché migliorare il posizionamento competitivo sul mercato del Corriere Espresso e Pacchi.

Per quanto attiene ai Servizi Finanziari la gestione del 2017 sarà, tra l’altro, focalizzata sul posizionamento nel comparto del transaction banking.

Nel segmento della Gestione del Risparmio il Gruppo, oltre a consolidare la posizione nel mercato Vita, sarà orientato a proseguire il percorso di crescente penetrazione dei prodotti Fondi e polizze Ramo III. Tutti gli obiettivi sopra richiamati saranno perseguiti rafforzando la generazione di cassa del Gruppo al fine di massimizzare il total return per i propri azionisti.

Poste Italiane, utile netto in calo e ricavi in salita nel semestre
Poste Italiane, utile netto in calo e ricavi in salita nel semest...