Piazza Affari vira in negativo e scivola in fondo all’Europa

(Teleborsa) – Piazza Affari vira in negativo e si posiziona in fondo agli indici di Eurolandia.  Dopo un avvio cauto, a meno di due settimane dal referendum del 4 dicembre le azioni italiane sono preda della volatilità, come rivelato da Bankitalia.

A pesare sul listino milanese la raffica di vendite che sono abbattute sulle società che oggi distribuiranno il dividendo.

Leggera crescita dell’Euro / Dollaro USA che sale a quota 1,063. Seduta in lieve rialzo per l’oro, che avanza a 1.215,3 dollari l’oncia. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) continua gli scambi, con un aumento dell’1,25%, a 46,26 dollari per barile.

Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a 181 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,09%.

Tra i listini europei fiacca Francoforte che mostra un piccolo decremento dello 0,48%.Sostanzialmente invariata Londra che riporta un misero -0,18%, Discesa per Parigi che cede un piccolo -0,37%.

Segno meno per il listino milanesem con il FTSE MIB che accusa una discesa dell’1,12%, continuando sulla scia ribassista rappresentata da sei cali consecutivi.Sulla stessa linea il FTSE Italia All-Share perde l’1,12%, 

Al top tra le azioni più importanti di Milano, segna un buon incremento Luxottica che riporta un +0,52% rispetto al precedente. Le più forti vendite, invece, si manifestano su Azimut che prosegue le contrattazioni a -6,14%.

Sessione nera per Banca MPS che lascia sul tappeto una perdita del 5,20%.

Oggi si apre una settimana cruciale per Rocca Salimbeni

In caduta libera Mediobanca che affonda del 4,21%.

Pesante Banca Mediolanum, che segna una discesa di ben -3,62 punti percentuali.

Piazza Affari vira in negativo e scivola in fondo all’Europa
Piazza Affari vira in negativo e scivola in fondo all’Europa