Piazza Affari tiene meglio delle altre borse europee. Pesa l’effetto Russiagate

(Teleborsa) – Seduta no per le borse europee, colpite da un clima negativo per effetto della vicenda legate al cosiddetto Russiagate., mentre tiene meglio Piazza Affari, grazie al buon andamento dei bancari.

Gli investitori temono che si possa indebolire la capacità del presidente USA, Donald Trump, di portare avanti il pacchetto di misure economiche promesso durante la sua campagna elettorale. 

Seduta in frazionale ribasso per l’Euro / Dollaro USA, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,36%. Seduta in frazionale ribasso per l’oro, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,49%. Lieve aumento per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mostra un rialzo dello 0,67%.

Invariato lo spread, che si posiziona a 179 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si attesta al 2,14%.

Tra le principali Borse europee pensosa Francoforte, con un calo frazionale dello 0,33%, seduta negativa per Londra, che chiude gli scambi con una perdita dello 0,89%, tentenna Parigi, con un ribasso dello 0,53%.

Chiusura sulla parità per la Borsa di Milano, con il FTSE MIB che si attesta a 21.299 punti; sulla stessa linea, incolore il FTSE Italia All-Share, che archivia la seduta a 23.471 punti, sui livelli della vigilia. Consolida i livelli della vigilia il FTSE Italia Mid Cap (+0,09%); leggermente positivo il FTSE Italia Star (+0,38%).

Alla chiusura di Milano risulta che il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 4,22 miliardi di euro, con un incremento del 15,54%, rispetto ai precedenti 3,65 miliardi di euro; mentre i volumi scambiati sono passati da 0,96 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 1,13 miliardi, mentre i contratti si sono attestati a 452.606, rispetto ai precedenti 385.056.

Su 216 titoli scambiati sulla borsa di Milano, 114 azioni hanno chiuso in territorio negativo, mentre 91 azioni hanno portato a casa un rialzo. Invariate le altre 11 azioni del listino milanese.

Risultato positivo a Piazza Affari per i settori Vendite al dettaglio (+1,17%), Materie prime (+0,84%) e Beni personali e casalinghi (+0,69%). Nel listino, le peggiori performance sono state quelle dei settori Chimico (-2,92%), Telecomunicazioni (-2,25%) e Automotive (-0,77%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, incandescente Banco BPM, che vanta un incisivo incremento del 2,53%, seguita da Fineco, che mostra un forte aumento del 2,10%.

Ben impostata Yoox, che mostra un incremento dell’1,65%.

Tonica Ferrari che evidenzia un bel vantaggio dell’1,60%.

La peggiore performance è quella di Fiat Chrysler, che ha chiuso a -3,11%, sull’avvio dell’azione legale di Bruxelles contro l’Italia.

In caduta libera Telecom Italia, che affonda del 2,62%.

Sotto pressione Saipem, che accusa un calo dell’1,50%.

Scivola UnipolSai, con un netto svantaggio dell’1,30%.

Piazza Affari tiene meglio delle altre borse europee. Pesa l’effetto Russiagate
Piazza Affari tiene meglio delle altre borse europee. Pesa l’eff...