Piazza Affari chiude in coda all’Europa. Bancari in picchiata

(Teleborsa) – Giornata no per Piazza Affari che chiude in coda ai principali listini azionari europei. La borsa italiana è stata subissata dalle vendite che si sono abbattute sui bancari dopo la tegola arrivata su Deutsche Bank.

Il Dipartimento di giustizia americano ha chiesto a Deutsche Bank un maxi risarcimento per chiudere il caso relativo ai bond garantiti da mutui subprime, venduti prima dello scoppio della crisi finanziaria fra il 2005 ed il 2008.

Seduta in frazionale ribasso per l’Euro / Dollaro USA che lascia sul parterre lo 0,73%. Sessione debole per l’oro, che scambia con un calo dello 0,34%. Prevalgono le vendite sul petrolio (Light Sweet Crude Oil) a 43,24 dollari per barile, in forte calo dell’1,53%.

Balza in alto lo spread, posizionandosi 133 punti base con un incremento di 3 punti base. Il rendimento del BTP decennale è pari all’1,33%.

Tra gli indici di Eurolandia, calo deciso per Francoforte che segna un -1,49%. Discesa modesta per Londra che cede lo 0,3%, sotto pressione pressione Parigi -0,93%.

Giornata nera per la Borsa di Milano che affonda con una discesa del 2,43%. Sulla stessa linea il FTSE Italia All-Share che chiude la seduta a 17.840 punti. 

Risultato negativo a Milano per tutti i settori. Nel listino, i settori Chimico (-4,41%), Banche (-3,98%) e Servizi per la finanza (-3,88%) sono stati tra i più venduti.

Chiude in picchiata MPS (-9,34%) che in attesa del nuovo Presidente ha segnato un nuovo minimo storico a 0,2054 euro. Il toto-nomine per la Presidenza di Monte dei Paschi di Siena, ha preso il via. Il candidato più forte indicato dalla stampa sarebbe Fabrizio Saccomanni. 

Rosso profondo per Azimut, che mostra una caduta del 6,35%.

Scivola Mediobanca che registra un importante calo del 5,80%.

In apnea Unicredit che arretra del 5,79%.

In rosso anche BPER (-3,32%) il giorno dopo che il Cda del gruppo modenese ha esaminato il dossier delle quattro good bank.

In retromarcia Fiat Chrysler Automobiles (-2,32%) dopo che gli analisti di Alpha Value hanno rivisto al ribasso il giudizio a “add” dal precedente “buy”.

Vendite moderate su Campari (-0,31%) dopo che Bank of America ha alzato il giudizio a “buy”.

In rosso anche Poste Italiane (+0,08%) entrata nel capitale di SIA con il 14,85%.

Piazza Affari chiude in coda all’Europa. Bancari in picchiata
Piazza Affari chiude in coda all’Europa. Bancari in picchia...