Piazza Affari ancora in fondo a Eurolandia. Pesano banche e dividendi

(Teleborsa) – Piazza Affari vira in negativo e si posiziona in fondo agli indici di Eurolandia.  Dopo un avvio cauto, a meno di due settimane dal referendum del 4 dicembre le azioni italiane sono preda della volatilità, come rivelato da Bankitalia.

A pesare sul listino milanese la raffica di vendite che sono abbattute sulle società che oggi distribuiranno il dividendo.

Piazza Affari rimane in fondo agli indici di Eurolandia.  Dopo un avvio cauto, a meno di due settimane dal referendum del 4 dicembre le azioni italiane sono preda della volatilità. Come ha rivelato Bankitalia.
A pesare sul listino milanese la raffica di vendite che sono abbattute sulle società che oggi distribuiranno il dividendo.

In una giornata priva dati macroeconomici rilevanti, in Europa  si guarda alla politica. In Germania Angela Merkel che non è ancora pronta a lasciare la guida della Germania, ha annunciato ufficialmente la sua ricandidatura alle elezioni politiche.

In Francia, le primarie del centrodestra hanno sancito la vittoria di Francois Fillon e la sconfitta dell’ex Presidente Sarkozy.

Occhi puntati su Mario Draghi. Il numero uno della BCE , nel pomeriggio si prepara a partecipare alla riunione del Parlamento Europeo di Strasburgo in cui verrà presentato il rapporto annuale della BCE.

L’Euro / Dollaro USA prosegue gli scambi con guadagno frazionale dello 0,57%. L’Oro continua la seduta poco sotto la parità, con un calo dello 0,66%. Forte rialzo per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mette a segno un guadagno dell’1,84%.

Invariato lo spread, che si posiziona a 178 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si attesta al 2,07%.

Tra i listini europei giornata moderatamente positiva per Francoforte che sale di un frazionale +0,4%. Seduta senza slancio per Londra che riflette un moderato aumento dello 0,39%. Piccola perdita per Parigi che cede lo 0,52%.

Prevale la cautela a Piazza Affari, con il FTSE MIB che continua la seduta con un calo dello 0,47%, portando avanti la scia ribassista di sei cali consecutivi avviata lunedì scorso. Sulla stessa linea il FTSE Italia All-Share che retrocede a 17.776 punti.

Al top tra le azioni più importanti di Milano, segna un buon incremento Luxottica che riporta un +1,36% rispetto al precedente. Le più forti vendite, invece, si manifestano su Azimut che prosegue le contrattazioni a -6,08%.

Sessione nera per Banca MPS che lascia sul tappeto una perdita del 5,20%. Oggi si apre una settimana cruciale per Rocca Salimbeni

In caduta libera Mediobanca che affonda del 4,36%.

Pesante Banca Mediolanum che segna una discesa di ben -3,11 punti percentuali.

Piazza Affari ancora in fondo a Eurolandia. Pesano banche e dividendi
Piazza Affari ancora in fondo a Eurolandia. Pesano banche e divid...