Petrolio, le parole di Barkindo (OPEC) danno speranza

(Teleborsa) – L’OPEC è determinata a mettere in atto un piano per limitare la produzione di petrolio, durante il prossimo incontro fissato alla fine di novembre, a Vienna. 

Respingendo l’ipotesi che, i 14 membri dell’Organizzazione dei paesi esportatori di greggio non riusciranno a concordare i dettagli dell’accordo preliminare raggiunto a settembre, il segretario generale OPEC, Mohammad Barkindo ha ribadito il proprio impegno ad agire per stabilizzare il mercato del petrolio.

“Algeri è stato un punto di svolta. Abbiamo intrapreso un riequilibrio del mercato dopo il crollo del 2014”, ha detto Barkindo durante la conferenza “Oil & Money” che si svolge a Londra. 

A settembre i membri del cartello hanno deciso di tagliare la produzione di circa 750 mila barili al giorno, con il limite fissato a 32,5 milioni di barili dai 33,2 milioni del mese scorso. L’intesa è stata trovata durante il vertice informale di Algeri. 

Intanto i prezzi del petrolio continuano a muoversi in salita dopo la corsa di ieri sostenuta dalla debolezza del dollaro. Il greggio di riferimento americano, il WTI con consegna a novembre, guadagna l’1,39% a 51 dollari al barile mentre il greggio europeo Brent sale dell’1,49% a 52,45 dollari.

Petrolio, le parole di Barkindo (OPEC) danno speranza
Petrolio, le parole di Barkindo (OPEC) danno speranza