Petrolio in rally. Delegati OPEC più ottimisti sull’accordo per il taglio produttivo

(Teleborsa) – I prezzi del petrolio accelerano sui mercati internazionali, mentre si fa strada un certo ottimismo fra gli operatori, relativamente alla possibilità che l’OPEC oggi 30 novembre raggiunga un accordo sul taglio dell’offerta. Nelle prime ore della giornata i dubbi erano maggiori sulla possibilità di un taglio. 

E’ in calendario a Vienna un vertice del cartello, per decidere la riduzione coordinata dell’output di almeno un milione di barili (oggi la produzione è a 33 milioni di barili al giorno), dopo mesi estenuanti di trattative fra i suoi membri, che non hanno portato sinora ad un compromesso sulla ripartizione del taglio. 

Buone nuove giungono intanto dalla capitale austriaca, dove il ministro del petrolio iraniano, Bijan Namdar Zangene, secondo quanto riferito da Bloomberg, si dice sicuro della possibilità di raggiungere un’intesa. Ottimismo è stato espresso anche dal ministro energetico iracheno.

Un altro delegato dell’OPEC parla di progressi nei colloqui con l’Iran e l’Iraq, ma un accordo non è ancora stato raggiunto. 

Il contratto sul Light Crude americano ha esteso notevolmente i progressi e sale del 5,79% a 47,85 dollari al barile, mentre il Brent a Londra avanza del 6,62% a 49,45 dollari.

Petrolio in rally. Delegati OPEC più ottimisti sull’accordo per il taglio produttivo
Petrolio in rally. Delegati OPEC più ottimisti sull’accordo per...