Partecipate pubbliche molto indebitate e poco liberalizzate – Corte dei Conti

(Teleborsa) – Municipalizzate super indebitate e scarsamente liberalizzate. E’ questo il quadro tracciato dalla Corte dei Conti, in un rapporto che analizza la gestione finanziaria delle partecipate pubbliche, da cui emergono “indubbi profili di criticità”, anche sotto il profilo della concorrenzialità.

Dalla relazione “Gli organismi partecipati degli enti territoriali” emerge che le partecipate locali, mostrano una netta prevalenza dei debiti sui crediti: l’ammontare dei debiti ammonta nel complesso a 83,3 miliardi.

Inoltre, il rapporto crediti-debiti verso controllanti, nelle partecipazioni pubbliche al 100%, è sbilanciato in favore dei primi. Secondo i giudici contabili, “emerge, quindi, una forte dipendenza delle partecipazioni totalitarie dagli enti controllanti, pur in presenza di un rilevante indebitamento verso terzi”.

Sotto un profilo più strettamente operativo, la Corte rileva un fallimento delle liberalizzazioni, a causa del bassissimo ricorso a gare ed appalti, a vantaggio della fornitura di servizi in house: le gare rivolte a imprese terze sono state appena 150, pari allo 0,7% del totale degli affidamenti osservati.

Partecipate pubbliche molto indebitate e poco liberalizzate – Corte dei Conti
Partecipate pubbliche molto indebitate e poco liberalizzate – Co...