Padoan: “Nessun complotto dei mercati, non temiamo spread”

(Teleborsa) – “Cresce l’incertezza nel mondo dopo Brexit e l’elezione di Trump, ma non c’è nessun complotto dei mercati. I mercati sono più nervosi perchè c’è incertezza sulla prosecuzione del processo di riforme. L’economia vuole stabilità”. E’ quanto afferma il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan in un’intervista al Corriere della Sera, in cui aggiunge che l’aumento dello spread non preoccupa il governo: “E’ un fenomeno comune, legato alle attese sull’inflazione americana. I tassi sono andati su un po’ in tutta Europa. Non c’è un rischio Italia, ma nervosismo sulla prosecuzione delle riforme”.

“La deregolamentazione – dice quindi sulle decisioni che potrà prendere il neo presidente Usa Donald Trump – potrebbe smontare un quadro di regole pensato per rendere i mercati più stabili dopo la crisi del 2007. Ma mi preoccupa soprattutto una eventuale chiusura delle frontiere. Si parla di rinnegare l’accordo Nafta che riguarda il Nord America e di un rapporto commerciale con la Cina in termini di duro confronto. Ora, se si chiudono mercati- avverte – l’incertezza aumenterà e questa non è una buona notizia, neppure per noi”. “La manovra non cambia – sottolinea poi Padoan -. E’ l’Europa che se non cambia rischia grosso”. Il ministro dell’Economia respinge le ricostruzioni secondo cui sarebbe a disagio col premier e pensi alle dimissioni: ” Sciocchezze campate in aria”. Infine, alla domanda se sia disponibile a un governo di scopo, replica: “E’ un’ipotesi del tutto fantasiosa”.

Padoan: “Nessun complotto dei mercati, non temiamo spread”
Padoan: “Nessun complotto dei mercati, non temiamo spread&...