Nova Re: prende il via la ricapitalizzazione

(Teleborsa) – Il Consiglio di Amministrazione di Nova Re, società immobiliare quotata del gruppo Sorgente SGR, ha deliberato di esercitare, in via parziale, la delega conferita dall’Assemblea straordinaria per l’aumento di capitale. La ricapitalizzazione da 95,6 milioni di euro sarà effettuata in parte in natura (fino a Euro 55,6 milioni) e in parte per cassa (fino a Euro 40 milioni).

Gli interventi di ricapitalizzazione si compongono: di Aumento di Capitale in Natura fino a un massimo di 55,6 milioni (comprensivo di sovrapprezzo), ad un prezzo per ciascuna nuova azione ordinaria pari ad 0,2585 euro;

Aumento di Capitale per Cassa, con esclusione del diritto di opzione, riservato a investitori istituzionali, fino a un massimo di 40 milioni (comprensivo di sovrapprezzo), di cui Euro 18 milioni in via inscindibile, ad un prezzo per ciascuna nuova azione compreso tra un minimo di 0,20 euro per azione ed un massimo di 0,2585 euro;

Aumento di Capitale, fino a un massimo di Euro 40 milioni, a servizio dei warrant che saranno abbinati gratuitamente alle azioni ordinarie di nuova emissione sottoscritte nell’ambito dell’Aumento Riservato per Cassa (Aumento Warrant).

I warrant daranno diritto ad acquisire un’azione ordinaria in ragione di ciascun warrant assegnato al medesimo prezzo dell’Aumento Riservato per Cassa. Al fine di incentivare l’adesione all’Aumento Riservato per Cassa è previsto un meccanismo di “bonus share” che prevede l’attribuzione agli investitori, a valere sul portafoglio di azioni proprie da costituirsi, di un’azione ordinaria ogni 10 nuove azioni sottoscritte e detenute ininterrottamente per 12 mesi e di un’ulteriore azione ordinaria in caso di possesso ininterrotto per ulteriori 12 mesi.

L’Aumento in Natura – da liberarsi entro il termine ultimo del 31 dicembre 2016, salvo proroga – è sottoposto alla condizione sospensiva del raggiungimento, nell’ambito dell’Aumento Riservato per Cassa, di sottoscrizioni pari alla quota inscindibile di 18 milioni di euro (comprensiva di sovrapprezzo), entro il 30 dicembre 2016, salvo proroga.

L’Aumento Riservato per Cassa dovrà essere eseguito entro il termine del 31 dicembre 2017. L’approvazione delle condizioni e dei termini degli Aumenti di Capitale è stata sottoposta dalla Società al preventivo parere favorevole del Comitato Indipendenti. 

Nella stessa seduta, il Consiglio di Nova Re ha aggiornato il Piano Industriale tenendo conto della sola quota inscindibile dell’aumento di capitale pari a 18 milioni di euro. Per effetto di ciò, il GAV (Gross Asset Value) al 31 dicembre 2016 contempla il solo portafoglio immobiliare iniziale, pari a 156 milioni di euro, che presenta un cap rate medio di circa il 5% e una leva finanziaria complessiva pari a circa il 65%.

Il Consiglio ha deliberato il tempestivo avvio dell’iter necessario per conseguire la quotazione in Borsa delle azioni di nuova emissione derivanti dall’Aumento in Natura e dall’Aumento Riservato per Cassa, tenuto conto che le medesime rappresentano una quota percentuale superiore al 10% del numero di azioni dell’Emittente della stessa categoria già ammesse alla negoziazione presso il Mercato Telematico Azionario. A tal fine il Consiglio di Amministrazione ha approvato la bozza del Prospetto Informativo per la quotazione delle azioni di nuova emissione, conferendo mandato al Consigliere Delegato, Stefano Cervone, di avviare l’iter per ottenere da Consob l’autorizzazione alla pubblicazione.

Nova Re: prende il via la ricapitalizzazione
Nova Re: prende il via la ricapitalizzazione