Negative le Borse del Vecchio Continente

(Teleborsa) – Giornata negativa per Piazza Affari, che chiude le contrattazioni in ribasso, assieme agli altri Eurolistini. 

L’Euro / Dollaro USA continua gli scambi a 1,079 Euro / Dollaro USA, con un aumento dello 0,84%. L’Oro, in aumento (+1,1%), raggiunge 1.212,7 dollari l’oncia. Vendite diffuse sul petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua la giornata a 52,63 dollari per barile.

Lo Spread fa un piccolo passo indietro, con un misero calo dell’1,79% a quota 183 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta al 2,27%.

Tra i listini europei sotto pressione Francoforte, che accusa un calo dell’1,25%, si muove sotto la parità Londra, evidenziando un decremento dello 0,27%, scivola Parigi, con un netto svantaggio dello 0,75%.

A Piazza Affari, il FTSE MIB è in calo (-0,9%) e si attesta su 18.591 punti in chiusura: il principale indice della Borsa di Milano prosegue in tal modo una serie negativa, iniziata giovedì scorso, di quattro ribassi consecutivi. Giornata negativa per il FTSE Italia All-Share, che archivia la seduta a 20.364 punti, in calo dello 0,85%. Poco sotto la parità il FTSE Italia Mid Cap (-0,47%), come il FTSE Italia Star|M,indice dei titoli del segmento STAR (-0,4%).

Nella Borsa di Milano risulta che il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 2,87 miliardi di euro, in aumento rispetto agli 2,72 miliardi della seduta precedente; mentre i contratti si sono attestati a 313.504, rispetto ai 302.985 precedenti.

Tra i 218 titoli scambiati sul listino milanese, 70 azioni hanno chiuso la seduta odierna in rialzo, mentre 137 hanno portato a casa una flessione. Poco variate le restanti 11 azioni.

In luce sul listino milanese i comparti Telecomunicazioni (+1,66%) e Automotive (+0,87%). In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si sono manifestati nei comparti Banche (-2,40%), Viaggi e intrattenimento (-2,18%) e Tecnologico (-1,88%).

Tra i best performers di Milano, si distinguono Telecom Italia (+1,86%), Ferrari (+1,67%), Italgas (+0,86%) e Fiat (+0,70%). Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Banco BPM, che ha chiuso con un -5,12%. Sessione nera per Unicredit, che lascia sul tappeto una perdita del 3,97%. In caduta libera UBI Banca, che affonda del 3,19%. Pesante Saipem, che segna una discesa di ben -2,78 punti percentuali.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Aeroporto di Bologna (+3,29%), Danieli (+1,90%), Tod’s (+1,52%) e OVS (+1,27%). I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Saras, che ha archiviato la seduta con un -4,80%. Seduta drammatica per Credito Valtellinese, che crolla del 3,58%. Sensibili perdite per Autogrill, in calo del 2,46%. In apnea Salini Impregilo, che arretra del 2,31%.

Negative le Borse del Vecchio Continente
Negative le Borse del Vecchio Continente